Tragedia in discoteca a Corinaldo, il sindaco di Arcore scrive al Comune gemellato
I soccorsi a Corinaldo nelle immagini dei vigili del fuoco

Tragedia in discoteca a Corinaldo, il sindaco di Arcore scrive al Comune gemellato

Il sindaco di Arcore scrive al primo cittadino di Corinaldo per esprimere il dolore del Comune brianzolo per la tragedia in discoteca di venerdì 7 dicembre: le due città sono gemellate.

“Ieri una immane tragedia ha colpito il Comune di Corinaldo con il quale da anni siamo gemellati. Ho appena inviato un telegramma al sindaco esprimendo tutto il nostro dolore e la nostra vicinanza a lui ed alle famiglie colpite così duramente. Come madre, come donna e come sindaco... mai si dovrebbe assistere a queste tragedie. A tutti loro un pensiero”: sono le parole con cui il sindaco di Arcore, Rosalba Colombo, ha commentato la tragedia nel Comune in provincia di Ancona dove nella serata di venerdì 7 dicembre una mamma e cinque ragazzi sono morti nella calca in un locale.

LEGGI Quando era successo a Monza al concerto di Justin Bieber

La discoteca era affollata per un concerto del trapper Sfera Ebbasta, di Cinisello Balsamo: un’ondata di panico dovuta forse a uno spray urticante ha spinto tutti i presenti a cerca una via d’uscita. I feriti sono almeno cento.

Il Comune di Arcore è gemellato con Corinaldo perché la cittadina anconetana è il luogo in cui è morto Alfonso Casati nell’agosto del 1944: il militare arcorese aveva scelto di lottare con la resistenza contro l’occupazione nazista.


© RIPRODUZIONE RISERVATA