Strutture portanti e nuovi impianti: Monza mette in sicurezza la scuola “Puecher”
Gli alunni nel cortile interno della scuola Puecher

Strutture portanti e nuovi impianti: Monza mette in sicurezza la scuola “Puecher”

Approvato il progetto definitivo per 200mila euro: interventi sulle strutture portanti e adeguamento dell’impianto elettrico e idrico alla scuola Puecher di Monza. Il sindaco Dario Allevi: «Lavoriamo per prevenire. Bisogna uscire dalla logica dell’emergenza e investire sulla manutenzione»

Lavori per 200 mila euro. L’esecutivo Allevi ha approvato il progetto definitivo per l’adeguamento degli impianti della scuola elementare “Puecher” ai fini delle certificazioni antincendio. Ammontano a 200mila euro le risorse messe sul tavolo dall’amministrazione comunale per mettere in sicurezza la scuola primaria di via Goldoni che fa parte dell’Istituto Comprensivo «Anna Frank»: gli interventi riguarderanno le strutture portanti e gli impianti. Dopo l’estate sarà pubblicato il bando di gara per individuare l’azienda che dovrà eseguire i lavori.

«Lavoriamo per prevenire. Gli studenti quanto prima dai banchi vedranno una scuola “nuova”. È un percorso che abbiamo iniziato fin dal 2017, all’inizio del nostro mandato, e che stiamo portando avanti giorno dopo giorno. Siamo, infatti, convinti, che bisogna mettere in campo risorse economiche e progetti per anticipare l’emergenza e investire sulla manutenzione, su ciò che serve più che su ciò che appare»: così il sindaco Dario Allevi.

L’obiettivo del progetto è adeguare la struttura alle norme di sicurezza e antincendio per ottenere le autorizzazioni dei Vigili del Fuoco: si lavorerà, quindi, per l’adeguamento alle normative degli impianti (elettrico ordinario e di sicurezza, di rivelazione fumi e gas, luci di emergenza, allarme antincendio, sgancio generale della rete elettrica, idrico antincendio, distribuzione gas); sulla riqualificazione delle strutture portanti dell’edificio per l’ottenimento delle certificazioni di resistenza al fuoco e dei solai con lastre in calcestruzzo; sulla rimozione e sostituzione dei materiali di rivestimento non certificati (ad es. i controsoffitti della mensa o la pavimentazione della palestra); sulla compartimentazione antincendio, cioè la suddivisione degli spazi con strutture resistenti al fuoco, dei locali al piano terra e al primo e della cucina; sulla formazione di un sistema di areazione permanente nei locali deposito e nel vano ascensore; sulla delimitazione della mensa dalla scuola con la costruzione di una parete divisoria e sulla sostituzione delle porte REI del locale biblioteca e dei maniglioni antipanico non conformi delle uscite di sicurezza.

Investire sul futuro. «Gli interventi previsti – precisa l’Assessore ai Lavori pubblici Simone Villa – sono stati decisi in funzione di quanto emerso nel monitoraggio sullo stato di salute delle nostre scuole. Si tratta, dunque, di un intervento reso necessario dall’analisi delle criticità emerse a causa di anni di totale assenza di interventi di manutenzione. Credo che compito di un’Amministrazione Comunale sia quello di mettere le risorse a disposizione del territorio. E, in particolare, investire nelle scuole è sempre straordinariamente importante perché significa investire sugli studenti e, quindi, sul futuro».


© RIPRODUZIONE RISERVATA