Seregno sollecita il secondo ufficio postale, via Medici non basta: “Offerta non adeguata a una città di queste dimensioni”
Le file sotto il colonnato di via Medici per accedere all'ufficio postale ( foto Volonterio)

Seregno sollecita il secondo ufficio postale, via Medici non basta: “Offerta non adeguata a una città di queste dimensioni”

Code e accesso difficoltoso all’ufficio postale di via Medici, Seregno è tornata a sollecitare la necessità di un secondo servizio. “Abbiamo avuto conferma che verrà realizzato, la città nel frattempo cresce”, sottolinea il sindaco Rossi.

Nonostante le quotidiane proteste degli utenti, ripetutamente sottolineate e stigmatizzate nel corso degli anni, anche dai mass media, le lunghe attese delle persone che devono accedere ai servizi offerti dall’ ufficio postale di via Medici a Seregno restano e si rinnovano ogni giorno. Con un’inutile grande perdita di tempo, malcontento e insoddisfazione generale. Anche “Il Cittadino” ha dedicato lo scorso mese, per l’ennesima volta nel corso degli anni, un servizio a questo atavico disservizio.

Un secondo ufficio postale da collocare in uno dei quartiere della città, possibilmente lontano dal centro storico, e i passaggi a livello costantemente con le barriere abbassate, restano due tra i principali nodi da sciogliere. Ma due dei maggiori enti pubblici della nazione : Rfi e Poste Italiane, sembrano non sentire ragioni. E Seregno continua a soffrire, sopportando, ma restando in coda ad altre località che questi problemi sono riuscite a risolvere.

Sul fronte Posta, il sindaco Alberto Rossi la scorsa settimana ho mandato una lettera a Poste Italiane. E in una nota ha fatto sapere che: “Ho chiesto un aggiornamento sull’iter e sulle tempistiche per la realizzazione di un secondo ufficio postale a Seregno. È un servizio per la cui apertura abbiamo parlato e insistito con loro in molteplici occasioni. In una bella e crescente relazione di collaborazione tra le parti, abbiamo avuto conferma in primavera che verrà realizzato, convinti che costituirà una novità importante e utile per tutti i cittadini”.

Ma ha tenuto a sottolineare che: ”Insieme a questo, ho evidenziato la nuova situazione di disagio nell’accesso ai servizi dello sportello di via Medici, che in queste settimane mi è stata segnalata da molti cittadini. Arrivare ad avere un secondo ufficio in città è importante per superare questa situazione, dove l’offerta non è sufficiente per una città delle dimensioni di Seregno, sia per il numero degli abitanti, sia per le imprese presenti, che sono, peraltro, in crescita, e quindi hanno bisogni crescenti in termini di servizi”.


© RIPRODUZIONE RISERVATA