Seregno, contagi in lenta risalita: «Mesi prima che tutti possano essere vaccinati, rispettiamo le regole»
Il sindaco Alberto Rossi (Foto by Paolo Colzani)

Seregno, contagi in lenta risalita: «Mesi prima che tutti possano essere vaccinati, rispettiamo le regole»

Sono 177 le persone positive a Seregno, +31 rispetto a fine febbraio. L’aggiornamento del sindaco Alberto Rossi che fa anche il punto sulla campagna vaccinale.

Il numero delle persone attualmente positive al Coronavirus a Seregno è in lenta risalita. L’ultimo aggiornamento proposto dal sindaco Alberto Rossi dice che sono 177, trentuno in più rispetto alla precedente comunicazione, che risaliva al 27 febbraio. Dall’inizio della pandemia, i contagi sul territorio locale sono stati complessivamente 3mila 77, mentre oggi i residenti in regime di sorveglianza attiva sono duecentotrentacinque. Regala un po’ di ottimismo in chiave futura la situazione nelle scuole, con appena cinque classi in quarantena, a testimonianza di come la situazione in questo contesto appaia sotto controllo.

«Le vaccinazioni degli over 80 sono iniziate - ha commentato Rossi - seppur molto lente, e non abbiamo ancora novità ufficiali sulla fase di vaccinazione massiva. Appena avrò informazioni, le divulgherò. La campagna vaccinale è cominciata e c’è una probabile terza ondata alle porte. Ci vorranno mesi prima che tutti possano essere vaccinati e so bene quanto questo clima di incertezza sia frustrante per noi. Dobbiamo rispettare le regole su mascherine e lavaggio delle mani in primis e poi prenderci cura di chi fa più fatica di noi: gli anziani e le persone sole, chi ha necessità di aiuto. La risposta che Seregno ha dato e continua a dare nell’emergenza è straordinaria, con tanti in prima linea per assistere chi ha bisogno. Ciascuno di noi può fare la propria parte, dando una mano ad un vicino, un parente, un amico».


© RIPRODUZIONE RISERVATA