Segati gli alberi appena piantati sulla via della Cavallera tra Vimercate e Arcore
Giovani alberi tagliati sulla strada della Cavallera tra Vimercate e Arcore (Foto by Valeria Pinoia)

Segati gli alberi appena piantati sulla via della Cavallera tra Vimercate e Arcore

Durante le feste sono stati tagliati di netto diversi giovani alberi da poco piantati dall’amministrazione di Vimercate sulla strada della Cavallera. La condanna è unanime.

Il Natale ha portato con sé un nuovo attacco alla ciclabile della Cavallera. Nei giorni delle feste, decine di alberi appena messi a dimora dall’amministrazione comunale di Vimercate (titolare della strada) sono stati deliberatamente tagliati e lasciati sul posto. Uno scempio che indigna tutti, a prescindere dall’opinione sulla pedonalizzazione della via, per lo spreco e il danno all’ambiente, oltre che al patrimonio pubblico.

LEGGI Vimercate: le barriere della Cavallera date alle fiamme di notte

Il fatto è accaduto nel tratto più vicino ad Arcore, quello che si collega a Cascina del Bruno e che i brunesi erano abituati a percorrere in auto prima che il Comune di Vimercate introducesse lo stop ai veicoli.

Che il provvedimento del sindaco Sartini sia risultato indigesto a molti è cosa nota, ma in questo caso la condanna del gesto è pressoché unanime. Non si può escludere nemmeno che si tratti di un comune atto di vandalismo praticato a casaccio, ma l’ipotesi più probabile, considerata anche la sistematicità dell’attacco, è che dietro ci sia l’intenzione di contestare.

L’amministrazione comunale di Vimercate ha espresso il suo biasimo e annunciato l’intenzione di sostituire le piante tagliate. Nel frattempo i fatti sono stati denunciati ai carabinieri come un danno deliberato alla cosa pubblica.

A terra sono finiti 24 alberi dei 300 circa tra tigli e gelsi che erano stati piantati. Un taglio netto a metà fusto, irrecuperabile. Un sistema di videosorveglianza dedicato potrebbe essere installato lungo tutta la strada, ma per ora si tratta solo di ipotesi. Per quanto la via sia di proprietà vimercatese, una gran parte attiene più all’abitato di Arcore che a quello di Vimercate. Per questo sull’argomento l’amministrazione arcorese si è espressa più volte.

Anche in questo caso, l’assessore alla Viabilità Fausto Perego ha commentato: «Impossibile sapere se si tratti di vandalismo o di una ritorsione, comunque sia è un gesto inaccettabile. La chiusura alle auto della via della Cavallera è stato un provvedimento preso da Vimercate con modi che io contesto: senza coinvolgerci e in modo repentino. Tuttavia credo che nei contenuti possa avere un senso. A patto che si intervenga sulla Sp45».

La grossa arteria provinciale nota come “Pagani” e diretta alle tangenziali è infatti l’alternativa pressoché unica per chi deve raggiungere Vimercate da Cascina del Bruno. È trafficata e quasi paralizzata nelle ore di punta. Perego contesta il mantenimento del semaforo che compromette la fluidità della circolazione.


© RIPRODUZIONE RISERVATA