Regione Lombardia in Israele: ospedale San Gerardo e Paese ritrovato  esempi di eccellenze tecnologiche monzesi
Regione Lombardia: Fabrizio Sala in Israele

Regione Lombardia in Israele: ospedale San Gerardo e Paese ritrovato esempi di eccellenze tecnologiche monzesi

Dall’ospedale San Gerardo al Paese ritrovato: ci sono anche spunti di Monza e Brianza nel viaggio del vicepresidente regionale Fabrizio Sala in visita in Israele.

Ci sono anche spunti di Monza e Brianza nel viaggio del vicepresidente regionale Fabrizio Sala in visita in Israele al Rambam Hospital di Haifa e all’istituto israeliano di tecnologia Technion, con otto facoltà universitarie e tra i 15 migliori dipartimenti elettronici al mondo. È stato anche all’ospedale di Nazareth gemellato con il san Gerardo di Monza.

“Un segno importante di Regione Lombardia a Nazareth è l’Holy Family Hospital Fatebenefratelli, gemellato con il San Gerardo di Monza, che ha ricevuto in passato un finanziamento regionale per nuove apparecchiature nel padiglione della neonatologia in grado di assistere neonati prematuri”, ha spiegato.

“Il San Gerardo di Monza - ha aggiunto Sala - ha partecipato attivamente alla stesura del progetto di costruzione e i risultati di questo gemellaggio sono ben visibili. Ci sono segni importanti di Regione Lombardia in Israele. Vogliamo continuare a collaborare con uno Stato all’avanguardia nei servizi sanitari, molto simile a noi per la capacità imprenditoriale e per la sua vocazione innovativa e rivolta al futuro. Avere dei centri di ricerca all’interno degli ospedali permette di lavorare in squadra e realizzare i progetti tecnologici di grande portata a stretto contatto con il settore medico. L’esempio di Israele dimostra che occorre lavorare sulla capacità di unire imprese e centri di ricerca per sviluppare brevetti e per nuove innovative scoperte scientifiche”.

Regione Lombardia Fabrizio Sala in Israele con il direttore generale dell’Asst Monza, Mario Alparone (a destra)

Regione Lombardia Fabrizio Sala in Israele con il direttore generale dell’Asst Monza, Mario Alparone (a destra)


È stata anche l’occasione per portare l’esempio di un’altra eccellenza monzese, ovvero “Il paese ritrovato” per l’assistenza ai malati di Alzheimer attraverso un approccio di esperienza di vita quotidiana. Il paese realizzato dalla coop La Meridiana infatti è un villaggio vero e proprio che di recente ha visto riconosciuto da Regione Lombardia il carattere sperimentale.

“Con Israele abbiamo stretto da tempo una grande collaborazione sui temi delle cure mediche e del trasferimento tecnologico. Regione Lombardia punta molto sulle Scienze della vita e sul miglioramento della vita dei cittadini lombardi. Per questo motivo uno dei nodi strategici del Programma triennale per la ricerca e per il trasferimento tecnologico riguarda il settore life science. La nostra azione è volta a migliorare la salute dei cittadini sostenendo l’eccellenza scientifica – ha detto durante il convegno a Tel Aviv nell’ambito di MedinIsrael Practicing Tech for human longevity - Crediamo fortemente che con l’invecchiamento della popolazione sia fondamentale trovare sistemi di cura alternativi. Diventano cruciali le tecnologie applicate per il trattamento dei pazienti più fragili e deboli. Proprio per questo voglio sottolineare l’esempio del Paese Ritrovato di Monza, un villaggio vero e proprio dove i malati di Alzheimer possono condurre una vita normale migliorando anche la qualità della vita dei familiari. Un esempio virtuoso che segna una svolta per la cura dei pazienti che soffrono di queste patologie invalidanti”.

Regione Lombardia quest’anno dedicherà alle Scienze della Vita il premio Lombardia è Ricerca: 1 milione di euro per premiare scoperte che migliorino la qualità della vita delle persone.
“Vogliamo stimolare la ricerca e il trasferimento tecnologico per affrontare la sfida dell’invecchiamento della popolazione”, ha concluso Sala.


© RIPRODUZIONE RISERVATA