Referendum in Lombardia: affluenza al 38,4%, spoglio a rilento,  vincono i sì
MONZA referendum (Foto by Fabrizio Radaelli)

Referendum in Lombardia: affluenza al 38,4%, spoglio a rilento, vincono i sì

Affuenza (quasi) definitiva al 38,4%, Maroni in conferenza spiega le criticità. L’ultima comunicazione ufficiale della Regione Lombardia è delle 3 di notte. A Monza e Brianza l’affluenza è del 39,52%.

Intorno alle 13 l’agognato dato (quasi) definitivo: affluenza al 38,2% con 3.011.395 di lombardi al voto al 98,59% delle voting machine scrutinate. Poco più tardi aggiornato direttamente da Roberto Maroni a 38,4% con 3.022.017 votanti al 99,5% dello scrutinio e con un centinaio di voting machine ancora da leggere.
L’ultima comunicazione ufficiale della Regione Lombardia era delle 3 di notte: su Twitter l’ente promotore del referendum sull’autonomia ha riferito di un’affluenza del 37,07% al 95% delle voting machine scrutinate. E un quasi scontato (perché mai dire mai) 95% di sì.

VAI Tutti i risultati Comune per Comune sul sito dedicato di Regione Lombardia

“Si registrano alcune criticità tecniche in fase di riversamento dei dati delle rimanenti voting machine”, diceva la comunicazione.

In attesa della conferenza stampa del presidente Roberto Maroni convocata prima per le 13.30 di lunedì, poi per le 16.30. E poi di nuovo, vedendo lo striscione del traguardo, alle 13.

«Due criticità, individuate e utili per il futuro: le operazioni di voto elettronico non hanno avuto problemi. Le criticità sono riconducibili al fattore umano, con alcuni presidenti di seggio che hanno digitato lo stesso pin su due voting machine impedendone la lettura, e poi un fattore tecnico, perché alcune voting machine hanno iniziato le operazioni in modalità test e questo ha comportato un caricamento manuale», ha detto Maroni in conferenza.

Intorno alla mezzanotte in una conferenza stampa post voto aveva riferito soddisfatto di una proiezione intorno o oltre il 40% con circa tre milioni di lombardi ai seggi.
E aveva parlato con soddisfazione di una macchina che ha funzionato: “Abbiamo usato per la prima volta il voto elettronico, ci sono state criticità che sono state risolte. Ha funzionato, è il futuro. Abbiamo aperto una strada”.

C’è stato invece qualche problema nello scrutinio. Se è chiaro che ha vinto chi ha votato (e sostenuto) il sì, manca l’ufficialità di quanti sono andati a votare. L’aggiornamento delle 11.37 della pagina internet della Regione sui risultati diceva: 3.010.434 votanti pari al 38,25%.

A Monza e Brianza sono stati 270.088 votanti per il 39,52%. Picchi di votanti a Briosco (49,31), Biassono (47,59), Giussano (47,86). Lazzate (46,40), Triuggio (46,82), Albiate (45,43). A Monza 33.197 votanti pari al 34,73%. Anche qui il sì ha raggiunto il 95%.

Qualche problema ai seggi è stato comunicato anche in Brianza con le voting machine di Busnago finite a Bergamo, mentre in un seggio di Arcore sono stati consegnati i tablet di Arcisate. In questi casi i presidenti di seggio hanno dovuto riprogrammare le macchine.

(*notizia aggiornata)


© RIPRODUZIONE RISERVATA