Quattro  morti alla Lamina, il datore di lavoro rischia il processo per omicidio colposo plurimo
Un mazzo di fiori davanti alla Lamina

Quattro morti alla Lamina, il datore di lavoro rischia il processo per omicidio colposo plurimo

La Procura di Milano ha chiuso l’indagine, in vista della richiesta di rinvio a giudizio, a carico di Roberto Sammarchi, legale rappresentante e datore di lavoro dell’azienda metallurgica ’Lamina’ di Milano, dove un incidente, avvenuto il 16 gennaio scorso e dovuto a una fuoriuscita di gas argon, ha provocato la morte di quattro operai

La Procura di Milano ha chiuso l’indagine, in vista della richiesta di rinvio a giudizio, a carico di Roberto Sammarchi, legale rappresentante e datore di lavoro dell’azienda metallurgica ’Lamina’ di Milano, dove un incidente, avvenuto il 16 gennaio scorso e dovuto a una fuoriuscita di gas argon, ha provocato la morte di quattro operai. L’accusa è di omicidio colposo plurimo, con l’aggravante dell’aver commesso il fatto in violazione della normativa in materia di sicurezza sul lavoro.

Vittime Lamina Milano: Marco Santamaria di Burago Molgora, Giancarlo Barbieri e Arrigo Barbieri di Muggiò

Vittime Lamina Milano: Marco Santamaria di Burago Molgora, Giancarlo Barbieri e Arrigo Barbieri di Muggiò


Come scrivono i pm Maria Letizia Mocciaro e Gaetano Ruta, coordinati dal procuratore aggiunto Tiziana Siciliano, Sammarchi sarebbe responsabile della morte di Arrigo e Giancarlo Barbieri di Muggiò, di Giuseppe Setzu e Marco Santamaria di Burago Molgora, “per colpa consistita in negligenza, imprudenza, imperizia e inosservanza delle norme sulla prevenzione degli infortuni nei luoghi di lavoro”. Indagata anche la società ’Lamina’, a cui sono state contestate violazioni al Testo unico in materia di sicurezza sul lavoro.

LEGGI Tutte le notizie sulla tragedia della Lamina

LEGGI Le lacune nella sicurezza


© RIPRODUZIONE RISERVATA