Pulizia straordinaria alle Groane: 62 quintali di rifiuti e centinaia di siringhe - FOTO
CESANO PULIZIA BOSCHI DELLO SPACCIO ALLA STAZIONE DELLA SNIA (Foto by Attilio Pozzi)

Pulizia straordinaria alle Groane: 62 quintali di rifiuti e centinaia di siringhe - FOTO

FOTO - Si è chiusa con 62 quintali di rifiuti raccolti, e centinaia di siringhe usate, l’iniziativa “Torniamo a vivere le Groane” lanciata all’unisono dalle amministrazioni comunali di Cesano Maderno e Bovisio Masciago con il sostegno delle rispettive comunità pastorali.

Un successo andato oltre le aspettative. Assessori, consiglieri, semplici cittadini, domenica si sono tutti assieme rimboccati le maniche per sostenere l’iniziativa “Torniamo a vivere le Groane”, lanciata all’unisono dalle Amministrazioni comunali di Cesano Maderno e Bovisio Masciago con il sostegno delle rispettive comunità pastorali. Questo era il secondo di tre appuntamenti ideati in occasione della Giornata per la custodia del creato.

LEGGI Sicurezza: a Ceriano Laghetto pulizia straordinaria del parco delle Groane e ufficio mobile alla stazione contro lo spaccio
LEGGI Droga, a Cesano la strada “antispaccio” che arriva nel cuore del bosco delle Groane

«Tutti questi eventi prendono le mosse dalla lettera enciclica di papa Francesco “Laudato si’”, che costituisce un notevole messaggio a favore della cura della casa comune che è, appunto, l’ecologia» spiegano dalla comunità pastorale di Bovisio Masciago.

LEGGI Droga, arrestati tre spacciatori attivi alla stazione Groane
LEGGI Parco Groane, blitz dei carabinieri nel “supermercato della droga” tra Cesano, Solaro e Ceriano

LEGGI Orari e indicazioni ai clienti: a Cesano i pusher fanno pubblicità al “bosco della droga”

Domenica scorsa sono state oltre cento le persone che hanno risposto all’invito delle rispettive amministrazioni comunali. L’intento era duplice: da un lato l’intervento straordinario di pulizia, dall’altro quello molto importante di dare un segnale, di riappropriarsi attraverso un azione concreta di una zona del Parco delle Groane da tempo ormai terra di spacciatori.

Personale del Parco delle Groane, dell’Oasi Lipu, dell’Agenzia InnovA21, di Gelsia Ambiente, Gev e Protezione civile, soci dell’associazione Consenso, dell’Associazione Comitato San Martino spalla a spalla con amministratori, consiglieri comunali e semplici cittadini dei comuni di Cesano Maderno e Bovisio Masciago: tutti hanno collaborato attivamente per ripulire l’area, un chilometro e mezzo di strada e sentieri vicino alla stazione ferroviaria Cesano-Groane. I volontari erano scortati dai carabinieri e da alcuni agenti di polizia locale. I dati di quanto raccolto sono impressionanti: 62 quintali di rifiuti, ma se possibile fanno ancor più riflettere le centinaia di siringhe usate che sono state raccolte e riposte in secchi da chi era stato dotato di apposita attrezzatura.

Un reportage e un bilancio in numeri davvero impietosi, che testimoniano la necessità di tornare a vivere l’area al più presto. Occorre “ripulirla”, tornare a frequentarla e riconsegnarla alla cittadinanza ed all’uso per cui è stata concepita. Un terzo momento concluderà il trittico “Laudato si’”, si terrà nel mese di ottobre.

«È ancora in corso di programmazione – concludono dalla comunità pastorale Beato Luigi Monti – avremo in Campanella una nota figura impegnata a dare centralità alle questioni ecologiche, il fondatore di Slow food Carlo Petrini, che parlerà di “Nuovi stili di vita per salvare il mondo e chi lo abita”».


© RIPRODUZIONE RISERVATA