Presentato il Coni Monza e Brianza: obiettivi, iniziative e un occhio a Milano Cortina 2026
Coni provinciale (Foto by Fabrizio Radaelli)

Presentato il Coni Monza e Brianza: obiettivi, iniziative e un occhio a Milano Cortina 2026

Martina Cambiaghi, nuovo delegato Coni Monza Brianza, ha svelato con entusiasmo i programmi e la squadra per il prossimo quadriennio del comitato provinciale martedì sera in Comune a Monza.

Una rete virtuosa che coinvolga istituzioni sportive, amministrative, politiche e scuole per fare crescere lo sport sul territorio. Martina Cambiaghi, nuovo delegato Coni Monza Brianza, ha svelato con entusiasmo i suoi programmi e la sua squadra per il prossimo quadriennio martedì sera in Comune a Monza.

LEGGI Martina Cambiaghi, delegata Coni Mb: «Tornare dai giovani e nelle scuole, essere riferimento per le società dopo la pandemia»

A fianco di Cambiaghi ci saranno i riconfermati Luisa Biella e Angelo Cappuccilli (che ricoprirà il ruolo di coordinatore tecnico), oltre a Roberto Villa, Benedetta Terruzzi, Alessandro Crisafulli e Laura Ballabio in qualità di responsabile della comunicazione.

Coni provinciale

Coni provinciale
(Foto by Fabrizio Radaelli)

“Gli obiettivi che ci siamo dati li posso riassumere con quattro : territorio; partecipazione; formazione e sport per tutti. La nostra provincia, a livello di numeri, conta 70.989 atleti per un totale di 671 società sportive. Il punto di partenza è buono, ma dobbiamo fare sempre di più. Vogliamo creare una rete virtuosa tra tutte le istituzioni sportive, amministrative e politiche con lo scopo di condividere progetti, proposte e idee per fare crescere il movimento sportivo in Brianza. Vogliamo puntare sulla formazione, non solo dei tecnici, dei dirigenti e degli allenatori ma anche delle associazioni e delle società nella loro totalità. Il mondo dello sport deve essere protagonista del cambiamento sociale a cui stiamo assistendo e per questo la formazione deve essere il cardine per fare meglio rispondendo a queste nuove esigenze. Inoltre, lo sport deve essere di tutti e per tutti. Nessuno deve restare escluso. Tutti devono avere la possibilità di praticare la disciplina che desiderano”.

Obiettivi condivisi anche dalle autorità presenti, il sindaco di Monza Dario Allevi, l’assessore monzese allo sport Andrea Arbizzoni e il presidente della Provincia Luca Santambrogio, che hanno sottolineato anche l’importanza dello sport come deterrente e “vaccino” del disagio giovanile.

Sedute tra i banchi del consiglio comunale vi erano anche tre giovani atlete che hanno portato la loro testimonianza di vita e di sport: le cestiste lissonesi Eleonora e Matilde Villa, gemelle classe 2004, che ora militano nel Costamasnaga e sono state convocate ai raduni della nazionale giovanile, e la pattinatrice in line dell’Astro Skating Giorgia Longo, recente vincitrice di due titoli italiani.

La prima iniziativa del nuovo Coni Mb sarà un corso di formazione e di condivisione sul tema “Tanti club ma una sola squadra” che partirà dopo l’estate con cinque appuntamenti diversi.

“Sarà una contaminazione positiva tra le diverse società - anticipa Crisafulli - ciascuna porterà le proprie esperienze e capacità su diversi temi: dall’organizzazione di un evento di successo alla gestione di un centro sportivo, dai rapporti coi genitori dei giovani atleti fino alla ricerca degli sponsor”.

Il nuovo Coni Mb, con il supporto del Coni Lombardia del neo presidente Marco Riva, anch’egli presente a Monza, guarderà con interesse alle Olimpiadi Milano Cortina 2026. “La Brianza - ha sottolineato Cambiaghi - si trova in una posizione strategica e vogliamo sfruttare questa occasione per promuovere le attività sportive di base”.

L’appuntamento a cinque cerchi vuole essere anche un volano per rilanciare la Villa Reale. “Brianza 2026 - ha concluso Cambiaghi - è il nuovo slogan per sostenere la candidature della Villa Reale a Casa Italia”.


© RIPRODUZIONE RISERVATA