Popillia Japonica, trappole anche a Monza: come segnalare il coleottero
Esche per catturare insetto originario del giappone servizio coordinato da Ersaf (Foto by Fabrizio Radaelli)

Popillia Japonica, trappole anche a Monza: come segnalare il coleottero

Le trappole per catturare la Popillia Japonica puntellano anche i prati della Boscherona di Monza così come la provincia. Come segnalare il coleottero vorace.

La presenza ormai è segnalata anche a Monza e Brianza, le trappole per catturare la Popillia Japonica puntellano i prati dalla Boscherona di Monza alla provincia. Il coleottero emerge dai prati e mangia voracemente fiori e piante sia che si trovi in un parco o che cali su un balcone: nel menu fogliame, frutta, rose, ortensie, lauro, ibiscus.

Le trappole sul territorio di Monza sono anche del tipo “attract and kill”: sono più di 2000 nelle province colpite - oltre alla Brianza anche Varese, Como, Lecco, Milano, Lodi e Pavia - sono formate da un treppiede ricoperto da una rete impregnata di insetticida che attira il coleottero tramite attrattivi specifici portandolo a morte.

Un’azione della Regione Lombardia con Ersaf per un piano di controllo che chiede anche la collaborazione dei cittadini.

Esche per catturare insetto originario del giappone servizio coordinato da Ersaf

Esche per catturare insetto originario del giappone servizio coordinato da Ersaf
(Foto by Fabrizio Radaelli)

Tramite l’App FitoDetective (per Android e iOs) è possibile ricevere informazioni relative ad organismi nocivi alle piante, “in maniera rapida e semplice direttamente sullo smart phone e aiutare il Servizio Fitosanitario a proteggere il verde e la biodiversità in Lombardia inviando la segnalazione di casi sospetti”. Non si può segnalare se si è già in una zona riconosciuta come focolaio. Segnalazioni particolari si possono fare a [email protected] o a [email protected].

Alcuni consigli per orti o giardini. In presenza di individui isolati si può procedere alla raccolta manuale in un secchiello con una soluzione di acqua e sapone.

Esche per catturare insetto originario del giappone servizio coordinato da Ersaf

Esche per catturare insetto originario del giappone servizio coordinato da Ersaf
(Foto by Fabrizio Radaelli)

I frutti si possono proteggere coprendo la chioma degli alberi con una rete antinsetto “che deve essere scossa al mattino presto quando i coleotteri sono pressoché immobili”.

“In presenza di un’infestazione importante - dice la Regione - è possibile intervenire con prodotti insetticidi o repellenti registrati per frutta, ortaggi o piante ornamentali, disponibili per uso non professionale. L’effetto del trattamento però è di breve durata perché l’insetto è molto mobile e sono possibili reinfestazioni dalle aree verdi limitrofe”.

Le trappole invece rischiano di richiamare più insetti di quelli che riescono a contenere.


© RIPRODUZIONE RISERVATA