Pizzeria di Giussano luogo di spaccio, attività sospesa per 30 giorni
Sigilli alla pizzeria di Giussano (foto Carabinieri)

Pizzeria di Giussano luogo di spaccio, attività sospesa per 30 giorni

Il provvedimento è stato adottato martedì 19 ottobre dai carabinieri dopo l’arresto avvenuto a fine agosto del titolare 38enne che nascondeva la cocaina nel barattolo del sale all’interno del locale.

Sospensione per trenta giorni dell’attività per una pizzeria di Giussano il cui titolare ad agosto era stato arrestato per spaccio di cocaina, trovata nel barattolo del sale. Martedì 19 ottobre i carabinieri della locale Stazione dell’Arma hanno notificato ed eseguito il provvedimento di chiusura coatta dell’esercizio. A determinare il provvedimento è stato sì l’arresto del titolare 38enne, egiziano, ma anche il successivo sequestro, avvenuto il 27 settembre per falsità ideologica e materiale degli attestati di formazione del personale della pizzeria con contestuale denuncia in stato di libertà del titolare e di un pizzaiolo 30enne.

Sigilli alla pizzeria di Giussano (foto Carabinieri)

Sigilli alla pizzeria di Giussano (foto Carabinieri)

Si è ritenuto che l’esercizio “ costituisca un grave e concreto pericolo per la sicurezza pubblica” evitabile soltanto “impedendone la frequentazione per un congruo periodo, di persone dedite allo spaccio e al consumo di stupefacenti” dicono dall’Arma. Di qui l’emissione del provvedimento di sospensione provvisoria per trenta giorni dell’attività imprenditoriale così come previsto dall’articolo 100 del TULPS (Testo unico delle leggi di pubblica sicurezza) e con emanazione di decreto del questore, Michele Sinigaglia, autorità provinciale di pubblica sicurezza.


© RIPRODUZIONE RISERVATA