Papa Francesco ringrazia Milano e Monza: «Ho sperimentato il calore della vostra accoglienza»
Papa Francesco saluta i fedeli riuniti al parco di Monza per la messa, lo scorso 25 marzo (Foto by Fabrizio Radaelli)

Papa Francesco ringrazia Milano e Monza: «Ho sperimentato il calore della vostra accoglienza»

Una missiva a firma di papa Francesco per l’arcivescovo Angelo Scola. Il pontefice ringrazia così tutti per la calorosa accoglienza ricevuta in occasione della sua visita a Milano e a Monza. E giovedì 20 aprile, in Duomo a Milano, ci sarà la messa del “grazie” della Diocesi a tutti coloro che hanno contributo all’organizzazione della giornata.

Una lettera a firma di papa Francesco, che ringrazia per la calorosa accoglienza ricevuta dai fedeli ambrosiani in occasione della sua recente visita a Milano e a Monza. L’arcivescovo di Milano, il cardinale Angelo Scola, ha ricevuto la missiva dal Vaticano proprio in questi giorni, quando i segni di quella visita sono più che mai ancora evidenti, vivi.

LEGGI Guida essenziale per rivivere la visita di Papa Francesco a Monza

La lettera del Santo Padre

La lettera del Santo Padre

«Al ritorno dalla mia visita pastorale a Milano, durante la quale ho vissuto momenti di grande comunione con codesta Comunità diocesana, sperimentando l’entusiasmo della fede e il calore dell’accoglienza dei milanesi, desidero esprimere a Lei, ai sacerdoti, alle persone consacrate e all’intera Comunità diocesana il mio cordiale apprezzamento. Sono riconoscente - scrive papa Francesco - per lo spirito con cui sono stati vissuti i vari incontri, come anche per l’organizzazione che ha consentito partecipazione da parte di tutti e ha dato modo, specialmente ai giovani e agli adolescenti, di esprimere la loro gioia e la loro vivacità contagiosa».

Intanto giovedì 20 aprile, alle 19, nel Duomo di Milano, si celebrerà una messa presieduta proprio dal cardinale Scola per esprimere il ringraziamento per la visita del Papa e per dire grazie in particolare ai Rol (Responsabili organizzativi locali) parrocchiali, ai volontari e all’organizzazione della visita, ai preti, alle forze dell’ordine.


© RIPRODUZIONE RISERVATA