Nova Milanese: è ricoverato all’ospedale di Desio l’uomo armato che si è barricato in casa per 9 ore, il film della lunga giornata - VIDEO
I carabinieri davanti alla porta dell’abitazione dove c’era l’uomo asserragliato

Nova Milanese: è ricoverato all’ospedale di Desio l’uomo armato che si è barricato in casa per 9 ore, il film della lunga giornata - VIDEO

Un martedì ad alta tensione a Nova Milanese: il 52enne aveva in pugno una pistola calibro 7,65 con la quale avrebbe sparato 5 colpi. Solo alle 19 grazie all’opera del negoziatore si è convinto a cedere. Per lui è scattata una denuncia per minacce a pubblico ufficiale e detenzione illegale di arma.

È ricoverato all'ospedale di Desio, nel reparto psichiatria, il 52enne che per 9 lunghe ore, martedì 4 aprile, si è barricato in casa della compagna, a Nova Milanese, con una pistola in pugno, una Browning calibro 7,65 che risulterebbe essere oggetto di furto e illegalmente detenuta (in quanto denunciata come smarrita nel 2012 dal precedente proprietario). Durante l’estenuante fase di mediazione, fanno sapere i carabinieri, ha esploso 5 colpi, alcuni dei quali alla porta d’ingresso della sua abitazione, oltre la quale c’erano i militari, senza fortunatamente colpire nessuno.

Nova Milanese Cinquantenne barricato in casa

Nova Milanese Cinquantenne barricato in casa
(Foto by Fabrizio Radaelli)

Tutto ha avuto inizio alle 10 del mattino. Dopo un momento di escandescenza, per cause ancora da accertare, l’uomo si è barricato in casa con la compagna. Ne è seguito di lì a breve l’intervento dei carabinieri della stazione dell’Arma di Nova Milanese che, con grande sangue freddo, notando l’uomo sul balcone, con la Browning in pugno, sono riusciti a far uscire la donna da casa e hanno chiesto rinforzi. Ne è seguita una azione coordinata da parte dei reparti dell’Arma, con l’intervento congiunto dei militari della Compagnia di Desio, personale specializzato delle SOS (Squadre Operative di Supporto) e il negoziatore del Comando Provinciale Carabinieri di Monza.

L’arma che aveva in pugno

L’arma che aveva in pugno

È stato proprio il negoziatore, figura recentemente introdotta al Comando provinciale, a intessere una conversazione «attiva e costante» - fanno sapere dall’Arma - con il 52enne. Solo alle 19 l’uomo, sollecitato dal negoziatore, si è convinto a gettare la pistola da una finestra e ad aprire la porta di casa, permettendo ai militari e al personale sanitario della Croce Verde di Lissone di entrare. A quel punto, trascorso qualche minuto, è stato caricato su un'ambulanza e trasportato da personale sanitario scortato dai carabinieri all’ospedale di Desio dove è stato ricoverato. Per lui è scattata una denuncia alla Procura della Repubblica di Monza per accuse di minaccia a pubblico ufficiale e detenzione illegale di arma da fuoco.


© RIPRODUZIONE RISERVATA