«Noi della Servicedent senza stipendio e l’amministratrice compra la Porsche»
Monza Tribunale presidio lavoratori Servicedent (Foto by Fabrizio Radaelli)

«Noi della Servicedent senza stipendio e l’amministratrice compra la Porsche»

Una rabbia sfociata in una lettera aperta: è quella dei lavoratori della Servicedent alla notizia che gli amministratori straordinari dell’azienda nominati dai prefetti di Milano e Monza si siano autoliquidati compensi per 393 mila euro a testa e che uno di essi si sia acquistata una automobile Porsche, con tanto di post sulla sua pagina Facebook .

Ha suscitato rabbia tra i lavoratori della Servicedent la notizia che gli amministratori straordinari dell’azienda nominati dai prefetti di Milano e Monza si siano autoliquidati compensi per 393 mila euro a testa e che uno di essi, la commercialista monzese Laura Arosio, si sia acquistata una automobile Porsche, con tanto di post sulla sua pagina Facebook comparso l’11 gennaio e poi sparito due giorni dopo. Servicedent è una delle società di servizi odontoiatrici che lavorano anche per le Asst di Monza e Vimercate della galassia di Lady Sorriso Maria Paola Canegrati, arrestata a febbraio del 2016 nell’inchiesta per tangenti Smile

LEGGI I 600 della Servicedent in presidio al tribunale di Monza

Non hanno visto lo stipendio di dicembre né la tredicesima, dicono, mentre l’amministratore Laura Arosio (nominata amministratore con l’avvocato Gianluca Minniti) «ostenta l’acquisto dell’auto di lusso».
«Gli amministratori prefettizi e tutti i loro consulenti - sbottano i dipendenti Servicedent - vengano sollevati immediatamente dal loro incarico».

Le indagini giudiziarie hanno bloccato alcuni contratti e a rischiare il posto sono 400 dipendenti, oltre ad altri 600, tra medici e collaboratori esterni. Nel post, pubblicato sulle pagine del Corriere della Sera, si legge tutta la soddisfazione per l’acquisto: «Alla grande presso Centro Porsche Milano Est, è fantastica da guidare».

«Sappiano che il 3 gennaio - scrivono una trentina di dipendenti in una lettera aperta - nonostante la situazione di crisi di liquidità ancora una volta gli amministratori straordinari hanno anticipato il loro interesse e quello di tutti i loro consulenti con avvenuto bonifico utilizzando i soldi pervenuti dalle sue Asst (Monza e Vimercate) sotto la loro supervisione (...) un’azione nel rispetto delle regole - concludono - ma è opportuno che la dottoressa Arosio in data 11 gennaio 2018 abbia pubblicato su un social network l’acquisto di un’auto di lusso mentre i dipendenti non abbiano possibiltà economiche di fare la spesa?».

Il picchetto fuori dal tribunale di Monza

© RIPRODUZIONE RISERVATA