Morto Peppino Franchini, fu il fondatore dei Supermercati brianzoli
Arcore SB 1988 (Foto by Fabrizio Radaelli)

Morto Peppino Franchini, fu il fondatore dei Supermercati brianzoli

Il corpo senza vita di Peppino Franchini è stato trovato nella sua auto in un parcheggio di Malpensa. La sua scomparsa era stata denunciata ai carabinieri di Lentate. Fu tra i protagonisti della stagione dei Supermercati Brianzoli, poi acquisiti da Berlusconi.

La sua auto era in un parcheggio a Malpensa. Dentro, seduto al volante, c’era lui, Peppino Franchini, 74 anni, fondatore dei Supermercati Brianzoli, catena di negozi che negli anni 70 vantava decine di negozi. I familiari ne avevano denunciato la scomparsa il giorno prima ai carabinieri di Lentate sul Seveso. Venerdì 12 è stato trovato morto.

Appartiene a una delle grandi dinastie dell’imprenditoria brianzola. A partire dal nonno Felice, che a inizio 900 aprì un mattatoio e tre macelleria a Lentate sul Seveso, fino ai figli Oreste e Vittorio, che aprirono il primo supermercato self service italiano. Poi arrivarono Peppino, il fratello Angelo e il cugino Gianfelice.

Negli anni 70 i Supermercati brianzoli si sono diffusi nel Nord Italia. Quindi, all’inizio degli anni 90, furono acquistati da Silvio Berlusconi attraverso Fininvest, assorbendoli nella Standa.

Arcore SB 1988

Arcore SB 1988
(Foto by Fabrizio Radaelli)


© RIPRODUZIONE RISERVATA