Monza: cedimenti lungo il bordo del canale Villoresi, chiuso un pezzo di ciclabile
La ciclabile chiusa sul VIlloresi (Foto by Sarah Valtolina)

Monza: cedimenti lungo il bordo del canale Villoresi, chiuso un pezzo di ciclabile

Il Consorzio Est Villoresi chiude un pezzo di ciclabile lungo il canale, in via Col di Lana a Monza: verificati cedimenti lungo la recinzione, stop al transito per garantire l’incolumità delle persone.

Rischio crolli, il Consorzio Villoresi chiude un pezzo di ciclabile lungo il canale a Triante. È stata una sorpresa anche per molti cittadini la transenna che sbarra il passaggio in via Col di Lana: non è più possibile passare per un tratto né a piedi né in bici dopo che sono stati verificati dei cedimenti nella balaustra che corre lungo il corso d’acqua artificiale.

Nelle carte che si leggono all’imbocco della ciclabile chiusa è possibile leggere che il Comune ha chiesto al Consorzio stesso di intervenire per sistemare un tratto della recinzione. Si tratta di meno di 150 metri di percorso, ma il personale consortile ha verificato che “l’eventuale ulteriore crollo dei pilastrini in cemento posti a supporto della recinzione metallica potrebbe comportare un ulteriore cedimento di porzioni d’asfalto interessate della banchina, incrementando così il pericolo per l’incolumità delle persone e la sicurezza del transito ciclopedonale”. Di conseguenza il presidente ha firmato l’ordinanza per chiudere il passaggio, almeno temporaneamente.

E senza risparmiare polemiche verso il Comune: l’ordinanza del Villoresi esordisce segnalando che la decisione arriva dopo la richiesta dell’amministrazione comunale di sistemare la recinzione. Ma, annota il consorzio, “il Comune nonostante” diversi solleciti di marzo 2017, agosto, 2017, giugno 2018 e una delibera di giunta sempre del 2017, non ha ancora firmato “Il disciplinare di concessione per il mantenimento del percorso ciclopedonale, realizzato dall’ente comunale, lungo tratti della banchina”.

Traduzione: il Consorzio chiude il transito, ma non ci sono ancora accordi perché sia lui a doversi fare carico della sistemazione.


© RIPRODUZIONE RISERVATA