Monza al buio: il caso dei lampioni sempre più spenti
Monza strade buio: via Boccaccio

Monza al buio: il caso dei lampioni sempre più spenti

Ci sono ampie zone di Monza che alla sera calano nel buio a causa di un numero sempre maggiore di lampioni spenti. L’illuminazione pubblica che non c’è è un problema di sicurezza. Sul Cittadino in edicola giovedì un ampio servizio sul problema.

Non si vede niente? Esatto: ci sono ampie zone di Monza che alla sera calano nel buio. Nella foto c’è via Boccaccio, fotografata da un lettore di ritorno all’auto in zona Grazie vecchie. Dal quartiere Libertà a San Fruttuoso gli appelli dei residenti si moltiplicano. E riempiono anche le pagine dei social. Perché l’illuminazione pubblica che non c’è è un problema di sicurezza non solo stradale. Le segnalazioni al Cittadino riguardano via Guardini, via della Guerrina, San Rocco, via Raiberti, via D’Azeglio e via San Gottardo. La risposta ricorrente è sempre la stessa: contattare Enel Sole e segnalare il numero dell’impianto non funzionante (riportato su ogni lampione).

Non è così facile. A Monza si parla di quasi 12mila pali e spesso il problema non si risolve cambiando una lampadina ma di interventi ben più costosi. E poi c’è anche il problema di una querelle con strascichi legali sul servizio di gestione e manutenzione dell’illuminazione pubblica che nel frattempo ha spento molte strade. Ma qualcosa sta per cambiare.

Sul Cittadino di giovedì 14 novembre 2019 (a 0,99 cents nell’edicola digitale) un ampio servizio sull’illuminazione che non c’è con una mappa dei disagi e il prossimo futuro.


© RIPRODUZIONE RISERVATA