Malore in mare: 25enne di Nova Milanese muore nel giorno del compleanno

Malore in mare: 25enne di Nova Milanese muore nel giorno del compleanno

Tragedia nelle Marche. Manuel Lanzilao, di Nova Milanese, è morto in mare a causa di un malore nel giorno in cui festeggiava 25 anni. Sabato pomeriggio i funerali: «Aveva un sorriso contagioso, sempre disponibile con tutti».

Aveva un sorriso a dir poco contagioso. Questo sottolineano i tantissimi messaggi di saluto degli amici di Manuel Lanzilao, 25 anni, residente a Nova Milanese con la famiglia venuto a mancare all’improvviso lunedì mentre faceva il bagno in mare. Manuel, 25 anni, una grande passione per i tatuaggi, era partito per Numana, sulla riviera del Conero, per festeggiare il suo compleanno.

E proprio il giorno del suo venticinquesimo compleanno, mentre era in acqua con gli amici, ha perso conoscenza per un malore. Subito gli amici hanno chiamato i soccorsi. Sul posto è intervenuta una motovedetta della Guardia Costiera e i sanitari del 118. Ma non c’è stato più da fare. Solo l’autopsia potrà indicare qualcosa di più preciso sulle cause del malessere. Una tragica coincidenza. Un’ingiusta fatalità, come hanno scritto i tantissimi amici sulla bacheca del suo profilo Facebook.

«Aveva una sensibilità straordinaria, fuori dal comune - ha raccontato un’amica - amava moltissimo gli animali e la natura. Viveva per il suo cane, Youma, per questo avevo voluto che mi accompagnasse quando dovevo scegliere il mio cane. Mi raccontava che aveva passato un brutto periodo, ma ora aveva sistemato tutto. Aveva trovato lavoro ed era felice. Si era iscritto in palestra. L’ultima volta che ci siamo visti, poco tempo fa, era tutto contento perché finalmente stava bene. Per questo ho tanta rabbia, perché ora che finalmente andava tutto bene, la vita gli ha fatto questo. Nessuno se lo merita, nessuno a 25 anni. Però lui davvero, aveva voglia di stare bene finalmente e quindi fa ancora più male sapere che non potrà realizzare tutto quello che sognava. C’era sempre per tutti. Quando ho fatto il trasloco, senza neanche che glielo chiedessi, si è presentato da me e con il furgone mi ha caricato tutto lui».

A sottolineare la sua sensibilità anche il nomignolo con il quale si faceva identificare su Facebook MeeNu Li Topi. «Un giorno - ha proseguito il racconto l’amica - aveva visto dei topolini in un negozio e quando ha saputo che sarebbero diventati pasto per i serpenti, li ha comprati tutti perché non sopportava l’idea di quella fine ingiusta. Di qui il nome».

Dopo gli accertamenti del caso, la salma di Lanzilao è tornata a Nova, da venerdì pomeriggio gli amici hanno continuato a tributargli un affettuoso saluto presso la casa funeraria.

Sabato 9 luglio, alle 15 nella chiesa parrocchiale di Sant’Antonino Martire, verranno celebrati i funerali.


© RIPRODUZIONE RISERVATA