Lissone, la denuncia di Fossati (Forza Italia): «Nel bosco urbano scavate buche e creati trampolini per le biciclette» - VIDEO
Uno dei trampolini fotografati dal capogruppo di Forza Italia (Foto by Elisabetta Pioltelli)

Lissone, la denuncia di Fossati (Forza Italia): «Nel bosco urbano scavate buche e creati trampolini per le biciclette» - VIDEO

Secondo il consigliere comunale, che ha scattato foto e realizzato video, parrebbe uno sfregio ambientale e chiede se l’intervento sia stato autorizzato. «Purtroppo, se non ci sono controlli, non si risale ai responsabili che quindi non vengono puniti». L’assessore Nava conferma: «È un abuso, ripristiniamo».

«Al Bosco Urbano scavano buche per fare evoluzioni e salti con le mountain bike a discapito di alberi e passanti». È la segnalazione lanciata dal capogruppo di Forza Italia di Lissone, Daniele Fossati, che posta su Facebook immagini ed un video esemplificativi. In una zona interna del polmone verde di Lissone, pala alla mano (una di queste lasciata sul posto), qualcuno ha creato dislivelli, trampolini e buche scavando nel terreno ed utilizzando tronchi e pietre. Fossati si domanda se tutto questo sia autorizzato perché, così come appare, sembra uno sfregio ambientale.

«È vero che a Lissone non ci sono spazi per i giovani, ma questo non giustifica fare buche di queste dimensioni nel Bosco Urbano - dichiara Fossati - da nove anni a questa parte leggo nel bilancio comunale l’idea di un campo da basket all’aperto e uno skate park, ma ogni volta non viene realizzato nulla. Purtroppo, se non ci sono controlli, non si risale ai responsabili che quindi non vengono puniti».

Contattato nel merito, l’assessore alla città vivibile, Marino Nava, conferma che quanto fatto al Bosco «non è autorizzato». «Mi sono accertato con l’associazione Lissone Mountain Bike, che come noto svolge attività coi bambini e ragazzi nel Bosco Urbano, - dichiara Nava - Loro non hanno fatto nulla di tutto questo, è quindi opera di qualcuno che vuole praticare freestyle e fare evoluzioni in bicicletta. Comprendo la voglia di libertà e tempo libero, ma queste cose non si possono fare- prosegue Nava- stiamo parlando di un bene pubblico che non va toccato senza autorizzazione. Provvederemo a ripristinare il tutto e a fare quanto nelle nostre possibilità per presidiare l’area. Faccio appello ai cittadini: tornate a frequentare il Bosco Urbano che è un nostro punto di forza, ma rispettatelo»


© RIPRODUZIONE RISERVATA