Lissone, fototrappole e telecamere nascoste contro l’abbandono di rifiuti: i numeri in città
LISSONE: rifiuti abbandonati tra via della Fortuna e via Mazzini (Foto by Elisabetta Pioltelli)

Lissone, fototrappole e telecamere nascoste contro l’abbandono di rifiuti: i numeri in città

Un lavoro quotidiano che nel 2019 ha portato ad una media giornaliera di 2 segnalazioni con 533 accertamenti del vigile ecologico di Lissone. E 91 sanzioni.

Un lavoro quotidiano che nel 2019 ha portato ad una media giornaliera di 2 segnalazioni, comunque in calo rispetto al periodo 2018 quando la media era di quattro al giorno per un complessivo annuo di oltre 1.400 casi riscontrati. Sono stati 533 accertamenti (e in 91 casi sono proseguiti con l’emissione della sanzione da parte del comando di Polizia locale, dopo aver accertato gli effettivi responsabili dell’abbandono) eseguiti dal “vigile ecologico” di Lissone, al quale si affianca il costante lavoro di presidio dei punti sensibili del territorio da parte degli agenti di Polizia Locale, mediante utilizzo di fototrappole e telecamere nascoste. Sono i dati resi noti dall’amministrazione comunale relativamente all’attività di controllo, indagine e repressione condotta quest’anno.

LEGGI Lissone: arrivano i vigili di prossimità e nuove telecamere
LEGGI Lissone, rifiuti abbandonati il 25 aprile sulla Sp 6 (e non solo): identificati i responsabili
LEGGI Lissone, abbandonano rifiuti e vengono identificati con le telecamere: 600 euro di multa

Grazie all’utilizzo di fototrappole e telecamere nascoste, gli accertamenti riscontrati sono stati finora 6 e hanno determinato 5 sanzioni da 600 euro con proventi alla Provincia di Monza e della Brianza e 1 sanzione da 50 euro con provento al Comune.

Il vigile ecologico è un servizio attivato nel novembre 2017 dall’amministrazione comunale con gestione operativa affidata a Gelsia Ambiente. In 91 casi, dagli elementi emersi, i vigili hanno potuto risalire ai responsabili dell’abbandono. La sanzione comminata è in tutti i casi pari a 50 euro. Il servizio di monitoraggio del territorio comunale sul corretto conferimento dei rifiuti nato dalla collaborazione tra Gelsia Ambiente, Comune di Lissone e il comando di Polizia Locale fa registrare dati significativi, ma il lavoro da fare per evitare abbandoni di sacchi e rifiuti è ancora molto, evidentemente. Tanto più che le segnalazioni dei cittadini non mancano.

«Per questo, l’impegno del Comune in materia di igiene urbana prosegue con l’obiettivo di ridurre gli abbandoni dei rifiuti su aree pubbliche, prevedendo e contrastando il degrado urbano legato agli scarichi abusivi – dichiara il sindaco Concetta Monguzzi- è una questione di senso civico, di rispetto per il bene comune. Lissone ha raggiunto ottimi livelli in tema di raccolta differenziata: l’impegno della collettività non può essere ridimensionato dal comportamento scorretto di pochi. Ripulire aree imbrattate ha un costo che ricade su tutta la comunità: questo non può più essere tollerato».

La partnership con Gelsia Ambiente è stata istituita con l’obiettivo condiviso di contrastare il fenomeno dell’abbandono dei rifiuti sul territorio e del non corretto conferimento. Un fenomeno comunque marginale a fronte della stragrande maggioranza dei cittadini che hanno fatte proprie le regole della nuova raccolta differenziata introdotte due anni fa: la percentuale di differenziata a Lissone è ormai stabilmente attorno al 75%. A livello operativo, il compito del vigile ecologico è quello di monitorare il territorio e verificare le infrazioni fra le quali il conferimento dei rifiuti al di fuori degli appositi contenitori o in contenitori non conformi e il non rispetto delle modalità di raccolta; il monitoraggio riguarda inoltre la qualità della raccolta, il corretto utilizzo del sacco blu, la corretta esposizione dei rifiuti e la presenza di sacchi con materiale non conforme. Per i cittadini è possibile segnalare le situazioni di abbandono e “non conformità”, al servizio clienti di Gelsia Ambiente, chiamando il numero verde gratuito 800.445964.

In occasione delle festività natalizie, Gelsia Ambiente ricorda le variazioni nella raccolta dei rifiuti. Per la Zona 5, la raccolta dei sacchi umido, sacco blu e arancio prevista per il 1 gennaio, è anticipata a martedì 31 dicembre; per il sacco giallo è invece posticipata a giovedì 2 gennaio. Per la zona 6, la raccolta umido, vetro e sacco arancione prevista per il 1 gennaio è anticipata a martedì 31 dicembre; per carta/cartone posticipata a giovedì 2 gennaio.


© RIPRODUZIONE RISERVATA