Lesmo: il prete dice messa, i ladri gli svaligiano la casa
Lesmo, la chiesa di San Carlo a Gerno

Lesmo: il prete dice messa, i ladri gli svaligiano la casa

Il prete dice messa e i ladri gli svaligiano la casa. È successo domenica mattina tra le 9.30 e le 10.30 a don Gianni Viganò in via Volta a Gerno di Lesmo: ignoti hanno rubato 630 euro in contanti e oro.

Il prete dice messa e i ladri gli svaligiano la casa. È successo domenica mattina tra le 9.30 e le 10.30 a don Gianni Viganò in via Volta a Gerno di Lesmo: ignoti hanno rubato 630 euro in contanti e oro.

Lesmo don Gianni Viganò

Lesmo don Gianni Viganò
(Foto by Michele Boni)

Il sacerdote residente nella frazione lesmese stava celebrando la messa nella chiesa parrocchiale di San Carlo, mentre nell’abitazione adiacente i topi d’appartamento sono entrati in azione. Per entrare hanno forzato la porta d’ingresso chiusa non a chiave facendo leva sullo stipite con qualche arnese da scasso. Una volta all’interno hanno passato in rassegna tutti i locali della casa, dove non c’era nessuno perché anche Nancy la domestica di don Gianni era ad assistere al rito religioso.

I ladri hanno iniziato ad aprire le antine e i cassetti della segreteria trovando un centinaio di euro tra monete e banconote di piccolo taglio. Non paghi sono saliti al piano superiori dove si trovano le stanze da letto. Nella stanza di Nancy hanno asportato 7 anelli, 3 bracciali e 2 catenine tutti d’oro con annessi altri 130 euro in contanti. Nella camera del sacerdote hanno invece trovato 400 euro in banconote conservati in un borsello.

«Erano interessati solo ai soldi e all’oro perché gli assegni e i telefonini non li hanno nemmeno toccati», ha commentato don Gianni. A fare la triste scoperta è stata la domestica che rientrata dalla messa ha visto la casa sottosopra. «Inizialmente temevo che ci fosse qualcuno ancora nell’abitazione – ha raccontato la donna – e ho chiesto aiuto ad alcuni parrocchiani».

I ladri però si erano già dileguati mettendo a segno il colpo in un’ora o forse anche meno.

© RIPRODUZIONE RISERVATA