La nuova sfida di CreativaMente: imparare giocando con i dinosauri (e Cristiano Dal Sasso)
Emanuele Pessi, fondatore di Creativamente di Concorezzo, con i “pedinosauri” del gioco DinUovo (Foto by Redazione online)

La nuova sfida di CreativaMente: imparare giocando con i dinosauri (e Cristiano Dal Sasso)

Entrare nel grande mondo dei dinosauri. È il nuovo gioco in scatola di Creativamente di Concorezzo creato con la consulenza scientifica del paleontologo brianzolo Cristiano Dal Sasso. Si intitola “DinUovo” e va al Salone del libro di Torino.

Prendete i “pedinosauri” e le carte da gioco, seguite la brachiofreccia e conquistate più uova possibile. Poi queste si schiuderanno e inizieranno le sfide tra dinosauri. Pronti a rispondere a una delle 200 domande in caso di pareggio o a sopravvivere a imprevedibili eventi naturali. Necessario se si vestono i panni di un dinosauro. È “DinUovo”, il nuovo gioco da tavolo ideato da CreativaMente di Concorezzo. Questa volta con la consulenza scientifica del paleontologo brianzolo Cristiano Dal Sasso, “papà” del primo dinosauro scoperto in Italia (Ciro), dello Spinosauro scoperto in Marocco – protagonista del gioco – e di recente del sauropode Tito.

LEGGI Ecco Tito, il primo sauropode italiano: nuovo dinosauro scoperto da Cristiano Dal Sasso - FOTO

LEGGI Alla scoperta di stagioni e agricoltura virtuosa con il gioco di CreativaMente e Grom

«Perché i dinosauri? È un tema appassionante e piace sia agli adulti che ai bambini. Dedicandomi alla creazione del gioco, io stesso mi sono reso conto che c’è tanto da imparare: è impressionante pensare alla vita di 200 milioni di anni fa» racconta Emanuele Pessi, fondatore di Creativamente.

Il gioco, per bambini dai 6 ai 99 anni e oltre, è caratterizzato da 25 carte illustrate, che rappresentano l’anatomia dei dinosauri in modo accurato e scientificamente fedele.

Il paleontologo brianzolo Cristiano Dal Sasso

Il paleontologo brianzolo Cristiano Dal Sasso
(Foto by Redazione online)

«Proprio qui si vede l’importanza della collaborazione con Dal Sasso, che ha dato una solida base scientifica al gioco – continua Pessi – è stato bellissimo vedere cosa significa essere uno scienziato di fama mondiale. Sa tutto».

Nelle carte da gioco, le diverse tipologie di dinosauri sono descritte secondo le loro caratteristiche specifiche tra cui dieta, postura, età geologica, gruppo di appartenenza e dimensioni, con utili confronti delle proporzioni, come nel caso del Tirannosauro accostato a un uomo e del Velociraptor vicino a un gatto.

«Ho partecipato con vero entusiasmo allo sviluppo di DinUovo, un gioco coinvolgente e allo stesso tempo un’occasione di apprendimento e di avvicinamento all’affascinante mondo dei dinosauri - ha dichiarato il paleontologo Cristiano Dal Sasso - Per fare in modo che tutte le caratteristiche fossero il più possibile adeguate e dettagliate dal punto di vista scientifico, ho selezionato i dinosauri da inserire nel gioco indicandone le specificità e ho fornito le indicazioni necessarie alla realizzazione delle tante illustrazioni presenti nel gioco, sulla base delle informazioni oggi in nostro possesso. Ho dato inoltre il mio contributo alla revisione delle numerose domande e all’ideazione degli eventi che dovevano rappresentare situazioni realistiche delle ere preistoriche. Naturalmente le sfide tra dinosauri di epoche diverse restano una finzione ludica, ma qui diventano un interessante esperimento teorico di confronto tra specie che nella realtà non poterono incontrarsi».

La brachiofreccia di “DinUovo”, l’ultimo gioco di Creativamente di Concorezzo

La brachiofreccia di “DinUovo”, l’ultimo gioco di Creativamente di Concorezzo
(Foto by Redazione online)

Il gioco è nato in poco meno di un anno in team con Marco Ippolito, Silvia Pignata che ha curato le illustrazioni e Domenico Monforte per la parte grafica. Per un gioco al 100% made in Italy, come sempre nella filosofia di Creativamente, per imparare divertendosi.

È stato presentato in anteprima alla “Play”, il Festival del Gioco di Modena, e alla Bologna Children’s Book Fair.
Ora va al Salone Internazionale del Libro di Torino (12-16 maggio 2016), allo stand T51 nel Padiglione 3.


© RIPRODUZIONE RISERVATA