Incidente sulla Lecco-Milano via Carnate: morto un uomo ad Arcore, binari bloccati per ore
Investimento mortale sulla Lecco-Milano via Carnate (Foto by Foto Archivio)

Incidente sulla Lecco-Milano via Carnate: morto un uomo ad Arcore, binari bloccati per ore

Incidente mortale sulla linea Lecco-Milano via Carnate-Arcore. Nella mattinata di martedì 2 aprile un uomo di 45 anni è stato investito da un treno regionale nel tratto tra la stazione di Arcore e quella di Carnate, nei pressi del passaggio a livello di via Grandi sul territorio arcorese,

Incidente mortale sulla linea Lecco-Milano via Carnate-Arcore. Nella mattinata di martedì 2 aprile un uomo di 45 anni è stato investito da un treno regionale nel tratto tra la stazione di Arcore e quella di Carnate, nei pressi del passaggio a livello di via Grandi sul territorio arcorese. Come è poi emerso si tratta di un uomo rumeno con domicilio ad Arcore, è morto sul colpo. Sul posto si sono subito portati i carabinieri di Monza, gli agenti della Polfer, i vigili del fuoco e i soccorritori del 118. Purtroppo per l’uomo non c’è stato nulla da fare: le lesioni causate dall’impatto con la motrice non hanno lasciato spazio ad alcuna speranza. L’investimento è avvenuto poco dopo le 6.30 del mattino.

Inevitabili le ripercussioni sulla circolazione ferroviaria: la linea è stata immediatamente bloccata (fermi, quindi, i convogli da e per Lecco e quelli da e per Paderno d’Adda) per permettere le operazioni di recupero del corpo e le indagini di rito e i rilievi della polizia scientifica. Caos alla stazione di Arcore, dove centinaia di pendolari, a piedi, hanno dovuto cercare mezzi alternativi per raggiungere il posto di lavoro: presi d’assalto gli autobus di linea e le auto private. Il traffico veicolare, a sua volta, ne ha particolarmente sofferto.

La circolazione ferroviaria è poi ripresa gradualmente intorno alle 8.30 del mattino, quando uno dei due binari è stato aperto al transito dei treni, in senso alternato. Verso le 11 ha ripreso in entrambe le direzioni.

(* notizia aggiornata)


© RIPRODUZIONE RISERVATA