Incidente e auto sui binari  all’alba a Limbiate: interrotta la linea del tram, bus sostitutivi
L’incidente in viale dei Mille, incrocio via Faenza (Foto by Fabio Cavallari)

Incidente e auto sui binari all’alba a Limbiate: interrotta la linea del tram, bus sostitutivi

Scontro tra due vetture in viale dei Mille: una vettura blocca la circolazione del trenino.Mattinata da incubo quella di giovedì per le migliaia di pendolari e studenti che ogni mattina raggiungono i loro luoghi di lavoro e di studio con il “Freccia arancio.

La circolazione dei tram soppressa e sostituita con gli autobus. È stata davvero una mattinata da incubo quella di giovedì 8 novembre per le migliaia di pendolari e studenti che ogni mattina raggiungono i loro luoghi di lavoro e di studio con il “Freccia arancio”. A causa di un incidente avvenuto alle 6,30 in viale dei Mille, il trenino ha dovuto interrompere la propria corsa all’altezza dell’incrocio con via Faenza.

A seguito dell’urto con un’Alfa Romeo 147, una Ford Fiesta è finita sulle rotaie impedendo al convoglio di proseguire. Anche se la dinamica dello scontro è ancora al vaglio dei Carabinieri intervenuti sul posto, fortunatamente solo due delle quattro persone coinvolte, un uomo di 23 anni e tre donne di 47, 50 e 51 anni, si sono ferite in modo non grave. Una è stata trasportata in codice verde all’ospedale di Garbagnate dalla Croce Azzurra di Caronno Pertusella mentre l’altra è stata portata, sempre in codice verde, alla clinica san Carlo di Paderno da un’ambulanza della Croce Rossa di Paderno.

Anche se alle 7,18, vista l’impossibilità di rimuovere la vettura dai binari in tempi rapidi, Atm ha comunicato l’attivazione di bus sostitutivi sulla linea, i ritardi accumulati sono stati importanti soprattutto per chi era diretto a Milano. I mezzi pubblici infatti sono partiti dal deposito cittadino e quindi c’è voluto del tempo prima che arrivassero al capolinea di Mombello, da dove poi hanno preso servizio. Ovviamente il primo autobus ha raccolto tutte le persone in attesa alle fermate e così era strapieno.

© RIPRODUZIONE RISERVATA