Il pm di Monza Bellomo: «Lugarà trattava il sindaco Mazza come uno zerbino»
Il procuratore di Monza Salvatore Bellomo

Il pm di Monza Bellomo: «Lugarà trattava il sindaco Mazza come uno zerbino»

Il procuratore titolare dell’inchiesta, durante una conferenza stampa, a Milano, ha parlato dei “tentacoli” dell’imprenditore calabrese al quale il sindaco e l’amministrazione erano «supinamente succubi».

Una “talpa” che ha rivelato informazioni sull’indagine giudiziaria coperta da segreto e i : «tentacoli dell’imprenditore» che avrebbe persino corrotto un ufficiale giudiziario di Monza per evitare lo sfratto a un amico e cercato «attraverso l’ex assessore regionale alla Sanità Mario Mantovani (indagato) di far promuovere o trasferire amici medici degli ospedali di Monza e Desio».

L’imprenditore è Antonio Lugarà, calabrese, che ha ovviamente occupato gran parte della conferenza stampa avvenuta martedì mattina 26 settembre nel comando provinciale dei carabinieri di Milano. A parlarne diffusamente è stato soprattutto il procuratore Salvatore Bellomo, titolare dell’inchiesta con la collega Giulia Rizzo, della Procura di Monza.

«’Ndrangheta silente? - ha detto tra l’altro Bellomo di fronte ai giornalisti - A Seregno da tempo memorabile sapevano tutto. La criminalità non ha colore e va solo verso i profitto». Ha anche parlato di un «filo rosso che ha unito la precedente e attuale amministrazione comunale di Seregno» e di un «completo asservimento della pubblica amministrazione all’imprenditore ... che trattava il sindaco come uno zerbino. Una cosa desolante» ha aggiunto.

«Il primo cittadino e l’amministrazione intera, ma anche i dirigenti comunali - ha aggiunto Bellomo - hanno agito supinamente. Qui non si parla di corruzione classica con dazioni di denaro ma di un gruppo che ha carpito il consenso popolare e il senso della democrazia»


© RIPRODUZIONE RISERVATA