Gli studenti di Desio inventano la Fermi Card per sostenere i negozi locali
La presentazione della Fermi Card

Gli studenti di Desio inventano la Fermi Card per sostenere i negozi locali

Una card per gli sconti nei negozi (aderenti) di Desio pensata per favorire e sostenere il commercio locale: è stata creata dagli studenti del Fermi e sarà distribuita a 800 ragazzi.

Un invito a riscoprire il commercio “made in Desio”. Nasce la Fermi Card, una carta sconto ideata dall’Istituto tecnico industriale Enrico Fermi e dai rappresentanti degli studenti con l’obiettivo di riportare i giovani a vivere la città, al di fuori delle ore di didattica giornaliere.

La tessera, che gode del patrocinio del comune di Desio, della Provincia di Monza Brianza e dell’Associazione ConfCommercio di Desio, vuole incentivare i ragazzi, gli insegnanti e tutto il personale scolastico a effettuare acquisti sul territorio cittadino, sostenendo Desio e i suoi commercianti. La card sarà distribuita a tutti gli 800 studenti desiani e al personale docente che potranno così ricevere uno sconto sulla spesa nei negozi che aderiranno all’iniziativa.

La locandina del progetto

La locandina del progetto

«Come amministrazione abbiamo voluto sostenere questo progetto proprio perché è stato ideato da un gruppo di giovani – ha spiegato l’assessore al Commercio Jenny Arienti – La Fermi Card, inoltre, rappresenta un’opportunità per il commercio locale di farsi conoscere e di mostrare la nostra città con tutte le sue installazioni luminose e le iniziative organizzate. Dato che la maggior parte degli studenti proviene da altri comuni questa occasione può ampliare ulteriormente l’offerta commerciale desiana. Per questo invito tutti i commercianti ad aderire alla proposta, anche per sostenere i ragazzi nel loro impegno, motivandoli ancora di più’».

I commercianti che intendono aderire all’iniziativa possono inviare un’e-mail a “Rappresentanti studenti” [email protected], indicando il proprio negozio, l’indirizzo e lo sconto applicabile.


© RIPRODUZIONE RISERVATA