Giro di vite  a Brugherio:   61 veicoli abbandonati in città,  32 spostati o riassicurati
Un'auto con l'avviso (Foto by Valeria Pinoia)

Giro di vite a Brugherio: 61 veicoli abbandonati in città, 32 spostati o riassicurati

La Polizia locale di Brugherio ha dato il via nei giorni scorsi a un’azione di “bonifica” dei veicoli abbandonati in città: 32 veicoli sono stati quindi spostati o riassicurati dai proprietari.

Da piazza Togliatti le segnalazioni sono arrivate più volte: quei veicoli in stato di abbandono, cannibalizzati e preda dei vandali compromettono il decoro urbano. Il problema tuttavia a Brugherio non è concentrato alla Torazza, ma diffuso sul territorio che magari per conformazione si presta in modo particolare. Per questo la Polizia locale ha dato il via nei giorni scorsi a un’azione di “bonifica” che potrebbe avere anche ripercussioni economiche notevoli sui proprietari dei veicoli in questione.

L’operazione della locale, considerato che le macchine abbandonate registrate erano oltre 60, è stata studiata in modo da non trasformarsi in un costo esorbitante per l’ente pubblico.

“Da un lato si vuole prevenire questo fenomeno - ha detto il comandante Silverio Pavesi - dall’altra si è considerato di non spendere con facilità i soldi dei contribuenti per i costi di dette operazioni, con rimozione custodia e demolizione dei veicoli. Pertanto è stato predisposto ed attivato un particolare protocollo”.

In sostanza, individuati tutti i proprietari dei 61 veicoli, è stata inviata loro raccomandata (e avviso sul veicolo) con intimazione al ripristino delle condizioni opportune. Ben 32 veicoli sono stati quindi spostati o riassicurati dai proprietari.

Altri proprietari hanno contattato gli agenti per chiedere come procedere per la demolizione che non graverà quindi sulle casse comunali.

Per i veicoli rimanenti sono in corso ulteriori approfondimenti; 21 verranno rimossi nei prossimi giorni e se non ritirati nel giro di pochi giorni verranno demoliti e radiati, con sanzione di 1.666,67 euro oltre spese di rimozione, demolizione e radiazione.


© RIPRODUZIONE RISERVATA