Furto alla cappella espiatoria di Monza: da settembre torna il custode
I carabinieri alla cappella espiatoria di Monza dopo il furto (Foto by Fabrizio Radaelli)

Furto alla cappella espiatoria di Monza: da settembre torna il custode

L’annuncio della Soprintendenza: a settembre la cappella espiatoria di Monza, il monumento dedicato a Umberto I, sarà di nuovo visitabile tutti i giorni grazie al ritorno di un custode. Sabato 18 luglio apertura per la commemorazione del regicidio.

Da settembre la cappella espiatoria di monza torna visitabile tutti i giorni. L’annuncio arriva proprio nei giorni più inaspettati, quelli del furto al monumento dedicato al regicidio di Umberto I il 29 luglio del 1900. A riferirlo, il direttore della Soprintendenza responsabile del monumento, Daniele Rancilio, nei giorni scorsi alle prese con la conta dei danni lasciati dai ladri oltre le cancellate di via Matteo da Campione a Monza.

«Era già prevista e viene confermata l’apertura della cappella per sabato 18 luglio dalle 9 alle 13 e dalle 15 alle 17, in occasione della celebrazione per l’anniversario del regicidio. La cappella sarà accessibile senza prenotazione e dal prossimo settembre, è prevista la riattivazione del servizio di custodia e casierato che garantirà l’apertura quotidiana secondo orari che verranno in seguito comunicati».

LEGGI il furto alla cappella espiatoria

Il furto è stato scoperto lunedì. Dalla scalinata d’ingresso alla cappella espiatoria mancano tre corone di bronzo. L’ipotesi più plausibile è che chi ha sottratto le tre corone lo abbia fatto per rivendere il bronzo e non tanto per mettere sul mercato un cimelio storico difficilmente commerciabile.

Tracce del furto alla cappella espiatoria di Monza

Tracce del furto alla cappella espiatoria di Monza
(Foto by Fabrizio Radaelli)


© RIPRODUZIONE RISERVATA