Fiocco azzurro all’ospedale di Desio: Gianluca è il primo del 2020, Hiba chiude il 2019
Gianluca Espinoza primo nato a Desio nel 2020 con la mamma Gary Bernison Sevillano Estrada e il papà Tito Miguel Espinoza Falconi (Foto by Paola Farina)

Fiocco azzurro all’ospedale di Desio: Gianluca è il primo del 2020, Hiba chiude il 2019

Fiocco azzurro anche all’ospedale di Desio per inaugurare il 2020: il primo nato, nella tarda mattinata dell’1 gennaio, è Gianluca. Il 2019 saluta con Hiba. Nel 2019 a Desio nati 1247 bambini, 422 sono figli di donne immigrate segnale di una forte integrazione tra servizi e territorio.

Il primo nato dell’anno all’ospedale di Desio è Gianluca Espinoza, 3 chili, venuto alla luce alle 11.15 della mattina di Capodanno. I genitori, Gary Bernison Sevilliano Estrada, 29 anni, peruviana, e Tito Miguel Espinza Falconi, 40 anni, ecuadoregno, lo aspettavano per il 18 gennaio. Invece lui ha anticipato i tempi e ha fatto una bella sorpresa alla coppia, che vive a Cesano Maderno.

LEGGI Sebastiano è il primo nato del 2020 a Monza e in Brianza: al San Gerardo undici parti a capodanno
LEGGI Ospedale di Carate Brianza: il nuovo fiocco si fa attendere, riflettori su Aurora
LEGGI
Ospedale di Vimercate: Isabel, un fiocco rosa per aprire il 2020

LEGGI
Ospedale di Carate Brianza: la prima del 2020 è Agata, nata nel pomeriggio

L’ultima bimba del 2019 è invece Hiba Noman, nata alle 18.18 del 31 dicembre, da genitori pakistani, Sania e Malik Noman, entrambi ventinovenni, residenti a Seregno. Nel 2019 all’ospedale di Desio sono nati 1247 bambini, tra cui sette gemelli. 28 in meno rispetto allo scorso anno (-2%) . I cesarei sono stati 224, 18,6% del totale (-2% rispetto al 2018). Sui 1247 nati, 422 sono figli di donne immigrate, ovvero il 34% del totale.

Il presidio di Desio della Asst di Monza propone infatti percorsi nascita sempre più personalizzati su integrazione, continuità assistenziale garantita in gravidanza, degenza e post-partum e attenzione alle situazioni di fragilità genitoriale. Un lavoro costruito all’interno del Punto Nascita e tra Ospedale e Consultori, quindi il territorio.

“I Consultori Familiari – spiega la dottoressa Tiziana Varisco, direttore della Struttura complessa di Pediatria e Neonatologia, insieme alla dottoressa Patrizia Zanotti, responsabile dell’Attività consultoriale, e al dottor Armando Pintucci, responsabile Sala parto dell’Unità operativa di Ostetricia- Ginecologia - dedicano ampio spazio al percorso nascita e offrono un’assistenza attenta a partire dalla fase preconcezionale, e per tutta la gravidanza, e nel puerperio. Sono attivi gli ambulatori della gravidanza a basso rischio (BRO) seguita dall’ostetrica in più sedi consultoriali: in questo anno si è assistito ad un aumento significativo delle donne che hanno richiesto e seguito questo percorso”.

ultima nata del 2019 Hiba Noman con la mamma Sania Noman e i medici e ostetriche del reparto

ultima nata del 2019 Hiba Noman con la mamma Sania Noman e i medici e ostetriche del reparto
(Foto by Paola Farina)


© RIPRODUZIONE RISERVATA