Farfalle, Libertà, Trialbero e non solo: il voto finale per scegliere un nome per il parco di Desio
Il parco di via Agnesi a Desio

Farfalle, Libertà, Trialbero e non solo: il voto finale per scegliere un nome per il parco di Desio

Fino al 22 giugno votazioni aperte per scegliere definitivamente il nome al parco di via Agnesi a Desio, dopo la scrematura delle oltre 300 proposte arrivate al Comune.

Trecentotredici proposte pervenute. Cinque nomi da sottoporre al voto finale. Si è appena concluso il concorso di idee rivolto alle scuole secondarie di primo grado del territorio per trovare un nome al nuovo parco di via Agnesi di Desio. Dal 21 maggio all’1 giugno ogni studente ha potuto scrivere la sua proposta su un bigliettino e imbucarlo nell’urna che ha trovato nella sua scuola.

Ora la denominazione si gioca tra queste cinque idee: Parco delle Farfalle, Parco Libertà, Parco Paradiso, Parco Trialbero, Parco Verde. Una scrematura effettuata da una commissione, composta da membri dell’amministrazione comunale e del servizio partecipazione e cittadinanza attiva e da una delegazione del gruppo di mamme “Divertiamoci Tutti Insieme “ e di Legambiente Desio Circolo “R.Giussani”. I “giurati” per emettere il loro responso sono partiti dalla storia di questo parco, sostanzialmente un parco agricolo, voluto e sostenuto dai cittadini, anche attraverso un percorso di partecipazione di “laboratori urbani per il governo del territorio”, che ha portato alla messa a punto del nuovo piano di governo del territorio a zero cemento della città.

Ora la sentenza finale spetta ai cittadini che fino al 22 giugno potranno votare attraverso l’app del Comune “Municipium”, scaricabile gratuitamente sul proprio smartphone. Per chi avesse difficoltà, sarà possibile ricevere assistenza e supporto al voto all’ufficio relazioni con il pubblico (ingresso A del palazzo comunale) da lunedì a venerdì dalle 8.30 alle 12.30 e il martedì e giovedì anche dalle ore 15,30 alle ore 17,30. Basterà portare con se il proprio smartphone.

L’amministrazione comunale, per rendere questo polmone verde sempre più fruibile da parte dei cittadini, ha realizzato percorsi ciclopedonali e una struttura per il fitness all’aria aperta mentre dal 2014 grazie a Timberland e Legambiente, sono stati piantati circa 1.000 alberi. Quest’area diventerà il nuovo bosco nel corridoio ecologico che collega i due parchi del Grugnotorto e Brianza Nord di Seregno. Un progetto che si inserisce in uno dei parchi locali di interesse sovracomunale (Plis) più grandi della Lombardia. «Dieci i comuni coinvolti -evidenzia l’assessore alle politiche di governo del territorio, Giovanni Borgonovo- Desio, Bovisio Masciago, Cusano Milanino, Cinisello Balsamo, Lissone, Muggiò, Nova Milanese, Paderno Dugnano, Varedo e Seregno, per una durata di 50 anni. Il nostro principale obiettivo è quello tutelare il verde, la biodiversità e le connessioni ecologiche, insieme ad una fruizione condivisa degli spazi verdi, anche tramite una rete di percorsi ciclo pedonali e attrezzature».

Soddisfatto della partecipazione al concorso l’assessore alla partecipazione e allo sport Giorgio Gerosa: «Il percorso partecipativo per scegliere il nome è il giusto coronamento per un parco che immaginiamo di tutti ed in particolare dei ragazzi di oggi e degli adulti di domani, sottratto alla cementificazione e aperto all’intera città - ha sottolineato - Uno spazio che si inserisce armoniosamente in una area verde più grande ed è parte integrante della cittadella dello sport. La prossimità al Centro Sportivo, al PalaBancoDesio, alla piscina comunale e al polo scolastico lo rende il luogo perfetto per passeggiare, correre, fare esercizi all’aria aperta» .


© RIPRODUZIONE RISERVATA