Emergenza sanitaria, il prefetto di Monza e Brianza: «Attenzione a usurai e criminalità»
Monza il prefetto Patrizia Palmisani (Foto by Fabrizio Radaelli)

Emergenza sanitaria, il prefetto di Monza e Brianza: «Attenzione a usurai e criminalità»

«Alzate le antenne per captare segnali» ha detto il prefetto Patrizia Palmisani ai sindaci invitati a un incontro nell’ambito della settimana “Io non rischio” dedicata alla Protezione civile che si è tenuta nella Sala Verde della Provincia di Monza e Brianza.

I sindaci alzino le antenne per captare segnali riconducibili all’azione degli usurai e agli interventi della criminalità più o meno organizzata: è la raccomandazione rivolta giovedì 15 ottobre dal prefetto Patrizia Palmisani durante un incontro organizzato nella Sala Verde della Provincia di Monza e Brianza nell’ambito della settimana “Io non rischio” dedicata alla Protezione civile. «L’emergenza sanitaria è tutt’altro che archiviata - ha affermato - e un recente protocollo firmato con la Guardia di Finanza dovrebbe ridurre l’eventualità che le risorse destinate ai cittadini cadano in mani sbagliate».

LEGGI Emergenza coronavirus e non solo: «Nel periodo di crisi c’è il pericolo infiltrazioni mafiose»

LEGGI Il pm Dolci: «La ’ndrangheta pronta a fare affari in Lombardia sui rifiuti Covid, indagini in corso»
LEGGI Contrastare la ’ndrangheta durante il Coronavirus? «Serve dare liquidità alle imprese»

Nei 168 giorni più duri della pandemia, ha spiegato il presidente della Provincia Luca Santambrogio, il 59% dei 1.114 volontari appartenenti ai 46 gruppi di Protezione Civile della Brianza ha fornito un supporto fondamentale alle istituzioni nella distribuzione di alimenti, farmaci, mascherine, computer agli studenti e nel montaggio delle tende pre triage all’esterno dei cinque ospedali della Provincia.


© RIPRODUZIONE RISERVATA