Elezioni, il liveblog: la Brianza elegge i suoi sindaci, al centrodestra Besana  con Pozzoli, Giussano con  Citterio e Bovisio con Sartori, Concorezzo e Muggiò al ballottaggio FOTO - VIDEO
Marco Citterio attorniato dai suoi sostenitori dopo il trionfo elettorale a Giussano

Elezioni, il liveblog: la Brianza elegge i suoi sindaci, al centrodestra Besana con Pozzoli, Giussano con Citterio e Bovisio con Sartori, Concorezzo e Muggiò al ballottaggio FOTO - VIDEO

FOTO - VIDEO - È una Brianza che si è svegliata con un cielo atmosferico grigio e un orizzonte politico in cui la Lega è protagonista con un vero e proprio boom alle elezioni europee, primo partito in Italia col 34%. Alla partita delle Comunali, avanti un po’ ovunque, ha conquistato col centrodestra piazze importanti (Giussano, Besana e Mezzago) ma ha assistito anche alle riconferme per il centrosinistra (Barlassina, Caponago, Usmate Velate, Bernareggio).

Il lunedì dopo le elezioni l’orizzonte politico della Brianza vede protagonista la Lega, con un boom alle Europee e primo partito in Italia col 34%. In Provincia di Monza e Brianza è andata ancora meglio. Questo è il racconto delle Comunali: col centrodestra alla conquista di piazze importanti (Giussano, Besana e Mezzago) ma anche alle riconferme per il centrosinistra (Barlassina, Caponago, Usmate Velate, Bernareggio).

LEGGI IL LIVEBLOG DI DOMENICA: urne chiuse e Lega prima, le foto dai seggi, il “caso foto” di Bernareggio e la corsa solitaria di Aicurzio

GUARDA LE FOTO DELLE ELEZIONI 2019

Ore 0.40 Finale anche da Bovisio Masciago: Giovanni Sartori (centrodestra) è sindaco al primo turno (il terzo Comune insieme a Giussano e Besana in Brianza a vincere subito, tutti col centrodestra) con il 50,52% dei voti. Con 4.166 preferenze, ha superato Giuliano Soldà (centrosinistra) con 43,83% (3.614 preferenze) e Domenico Spreafico con il 5,65% (466).
È tutto, appuntamento al 9 giugno per i ballottaggi a Concorezzo, Muggiò e Paderno Dugnano.

Ore 23. La lunga giornata elettorale si chiude con il messaggio di Mariella Longoni, sconfitta ad Albiate dall’assessore uscente Giulio Redaelli: «Un grazie a tutti coloro che hanno creduto nel nostro progetto. Un grazie a tutti coloro che hanno dato la propria disponibilità e competenza. Un grazie a tutti coloro che hanno sperato che un’Albiate diversa e migliore sarebbe stata possibile. Un grazie a tutti coloro che continueranno ad impegnarsi per far crescere il gruppo. Un grazie di cuore a Vanessa, Enrico, Giorgio, Roberto, Giorgio, Cinzia, Luca, Antonio, Roberto, Simona, Elena e Adelio. Ma soprattutto un grazie di cuore ai 1503 elettori che ci hanno dato fiducia! Il nostro impegno per Albiate continua con lo stesso entusiasmo con cui abbiamo iniziato».

A Sovic o 5 Stelle in festa: con Stefania Greco, terza nella competizione elettorale col 10,10% con 471 voti, hanno conquistato 1 seggio e per la prima volta entrano in consiglio comunale.
I dati ufficiali di Concorezzo dicono Capitanio (centrodestra) al 47%, Bossi (centrosinistra) al 32% e Trussardi (coalizione di centro) al 20%.

Ore 22. A Bovisio Masciago i tempi si allungano. La prefettura ha ordinato il conteggio dell’ultima sezione, la Sezione 1, dove sarebbe stata trovata quantità anomala di schede bianche. Una questione che allunga i tempi ma non la sostanza per una vittoria che Sartori potrebbe ottener al primo turno su Soldà.

Intanto è arrivato anche il finale di Paderno Dugnano con 44 sezioni su 44: Gianluca Bogani (centrodestra con Lega, Forza Italia, Fdi) è davanti con il 37,43%, segue Ezio Casati (Partito democratico, Paderno Dugnano Futura) con 23,27%, Giovanni Giuranna (Sinistra per Paderno Dugnano, Insieme per Cambiare, Persone al centro) con 14,69%, Alberto Ghioni (Paderno Dugnano Cresce, Sì Ghioni) con 13,40%, Simona Arosio (7 Frazioni, Lista Di Maio Vivere Paderno Dugnano) al 10,09%, Cristian Gligora (Sinistra Alternativa) 1,12%.

Ore 21.15. I commenti da Paderno Dugnano, al ballottaggio il 9 giugno con i candidati Gianluca Bogani e Ezio Casati.
«Ottimo risultato - commenta Bogani (centrodestra) - L’elettorato mi ha riconosciuto come leader della coalizione uscente. Paderno è una città di tradizione di sinistra e dopo 10 anni di ottima amministrazione di centrodestra dà il 70 per centro a partiti di centrodestra. Parlerò con tutti, tranne con Giuranna. Mi siederò al tavolo con chiunque».
«Sono molto soddisfatto - ha detto Casati (centrosinistra) - La mia lista Civica con quella di Ghioni è l unica che ha già il posto assicurato in consiglio comunale. Bogani lascia comunque sul campo 4- 5mila voti. Sono carico e ottimista e non mi pongo limiti in vista del ballottaggio. Parlerò con tutti, se lo vorrà anche con Gligora che è quello che dice “con Casati mai”. Da domani inizia tutta un altra storia».

Paderno lista Bogani

Paderno lista Bogani
(Foto by Pier Mastantuono)


VIDEO - La proclamazione di Buzzini a Caponago

Ore 20.45: si fanno attendere le ultime sezioni di Bovisio Masciago e Paderno Dugnano; se nel secondo caso è ormai certo il ballottaggio tra Bogani e Casati, a Bovisio con l’ultima sezione mancante c’è in ballo l’alternativa tra l’elezione diretta di Giovanni Sartori o il ballottaggio Sartori-Soldà.

Ore 20.07: a Bovisio siamo a 13 sezioni su 14 e Sartori resta oltre il 50% (50,41%) mentre a Paderno Dugnano a 42 sezioni su 44 la situazione è praticamente invariata: ballottaggio Bogani-Casati.

Ore 20.03: avanza molto lentamente anche lo scrutinio ufficiale di Bovisio Masciago. A 12 sezioni scrutinate su 14 Giovanni Sartori è al 50,12% mentre Giuliano Soldà è al 44,07%, nettamente staccato Domenico Spreafico al 5,82%. In questa situazione Sartori sarebbe sindaco al primo turno.

Ore 19.58: Con i 9.002 voti (37,5%) di Gianluca Bogani e i 5.605 (23,4%) di Ezio Primo Casati, a tre sezioni da scrutinare su 44 i due candidati di Paderno Dugnano sono ormai certi che si dovranno sfidare nuovamente per il turno di ballottaggio in programma domenica 9 giugno.

Ore 19.41: A Besana Brianza siamo ai dati definitivi e ufficiali con tutte e 14 le sezioni scrutinate. Emanuele Pozzoli (Lega, Noi, Pozzoli Sindaco), è sindaco al primo turno con il 54,70% delle preferenze (4.636 voti) seguito a distanza da Sergio Gianni Cazzaniga (37,55%, 3.182 voti) e da Piero Angelo Alfieri (7,75%; 657 voti). Lega al 34,72%, Partito democratico secondo partito con il 23,41%.

Ore 19.28: A Paderno Dugnano a 5 sezioni dal termine (39 su 44) Gianluca Bogani (Centrodestra) è al 37%, Ezio Primo Casati (Centrosinistra) al 23%: tra i due candidati si prospetta sempre più un ballottaggio tra 15 giorni. Distanziati Giovanni Giuranna al 15%, Alberto Ghioni al 12,92%, Simona Arosio al 10,46% e infine Cristian Gligora al 1,05%.

Ore 19.20: cambiano le percentuali a Concorezzo: dopo lo scrutinio di sei seggi su 14 il centro destra di Capitanio sale al 47,96% il centro sinistra con Claudio Bossi scende al 32,45% e Carmen Trussardi sale al 19,6%.

Ore 19.09: a 11 sezioni scrutinate su 14 a Bovisio Masciago Giovanni Sartori (Centrodestra) supera di un soffio il 50% (50,2%); Giuliano Soldà è al 44,2% mentre Domenico Spreafico è al 5,6%.

Ore 18.40. A dieci sezioni su 14 a Besana Brianza la situazione è pressoché invariata con Emanuele Pozzoli (Centrodestra) al 54,45%, Sergio Gianni Cazzaniga (Centrosinistra) al 37,75% e Piero Angelo Alfieri (Alfieri sindaco) al 7,70%.

La stretta di mano tra Pozzoli, di spalle, e Cazzaniga, sindaco uscente di Besana

La stretta di mano tra Pozzoli, di spalle, e Cazzaniga, sindaco uscente di Besana


VIDEO - Besana in Brianza, il neo sindaco Pozzoli

VIDEO - Besana in Brianza, l’analisi dello sconfitto Cazzaniga

VIDEO - Besana in Brianza, le parole di Alfieri


Ore 18.32.
Così Fabrizio Sala, vicepresidente di Regione Lombardia e uno dei leader di Forza Italia: «La Brianza cambia colore e stiamo già guardando al prossimo candidato presidente della provincia del centrodestra con un nome condiviso. Il centrodestra quando gioca in squadra vince e sa anche governare bene. Stiamo sommando tutti i dati e i voti di Forza Italia aumentano, questo significa che abbiamo una classe di amministratori capaci e in grado di capire le necessità dei cittadini. Per il futuro penso che il nostro partito debba ripartire da qui».

Ore 18.20. A Muggiò s arà ballottaggio tra il sindaco uscente Maria Fiorito (Pd e liste civiche “Insieme per Muggiò”, “Democratici e civici” e “Muggiò partecipata”) e Pietro Stefano Zanantoni (Forza Italia, Lega, Fratelli d’Italia e lista civica “Noi con Pietro Zanantoni”). Il centrodestra sperava subito nella riconquista del Comune, di cui Zanantoni è già stato primo cittadino, puntando anche sul pieno di consensi della Lega alle Europee. Ma a livello locale è stata un’altra storia. Zanantoni ha conquistato il 47% dei voti. Fiorito il 42%. Sezione dopo sezione, Fiorito è rimasta quasi sempre un passo indietro rispetto al suo avversario di centrodestra, ma alla fine tutto è rimandato di 15 giorni. Cristian Iucolino (Movimento 5 Stelle) si è bloccato all’11%.

Besana: Emanuele Pozzoli festeggia la vittoria sulla scale del municipio

Besana: Emanuele Pozzoli festeggia la vittoria sulla scale del municipio


ore 18.15.
A Besana Brianza a 8 sezioni scrutinate su 14 Emanuele Pozzoli (Centrodestra) conduce con il 54,68% seguito da Cazzaniga (Centrosinistra) con il 37,86%, Pierangelo Alfieri (Alfieri sindaco) 7,45%.

Ore 18.11 . Andrea Esposito, confermato sulla poltrona di sindaco, ha vinto la sua corsa elettorale grazie a 3700 voti che gli elettori hanno attribuito alla sua lista Bernareggio per tutti, all’avversaria Emanuela Baio (Vita nuova per Bernareggio) 1764 voti.

Ore 18.10. Sconfitto da Lisa Mandelli (Per Usmate Velate), Daniele Ripamonti (Lega-Cambiamo insieme) ha diffuso un comunicato con la sua analisi del voto: «Non siamo riusciti a scardinare un sistema ultratrentennale. Ma non abbiamo ceduto a compromessi e ricatti. E ne siamo assolutamente orgogliosi”. «Purtroppo prendiamo atto dei risultati che provengono dalle sezioni scrutinate. Abbiamo perso. Ma lo facciamo con onore, senza esserci piegati a compromessi o ai ricatti di altre forze politiche che hanno poi mandato i loro rappresentanti di lista per le europee a sostenere la parte opposta, e senza aver accettato nel nostro gruppo i fuoriusciti della maggioranza che bussavano alla nostra porta e che poi, con nonchalance, sono tornati a sinistra. Abbiamo presentato un progetto per il futuro, volti nuovi e persone desiderose di mettere la propria esperienza di commercianti, professionisti e semplici cittadini al servizio di Usmate Velate. Il nostro sogno era quello di cambiare aria al palazzo. Purtroppo, nonostante le tante manifestazioni di stima, non siamo riusciti a scardinare un sistema di potere ormai ultra-trentennale, con, in alcuni casi, gli stessi cognomi che si susseguono nella gestione del Comune da tempo immemore. Nemmeno le condanne per il caso A&B e caso FIMER sono state sufficienti a rappresentare agli occhi dei cittadini la mala gestione portata avanti nel territorio». Lo dichiara il candidato sindaco del centrodestra a Usmate Velate, Daniele Ripamonti.

Simone Sironi riceve le chiavi del municipio di Agrate dal sindaco uscente (a sinistra) Ezio Colombo

Simone Sironi riceve le chiavi del municipio di Agrate dal sindaco uscente (a sinistra) Ezio Colombo


Ore 18.09.
Marco Citterio (Lega, Forza Italia, Fratelli d’Italia, Io Rispetto Giussano ed Educazione Civica) con il 69,6% di preferenze e 9.475 voti è il nuovo sindaco di Giussano che passa al centrodestra dopo 5 anni di centrosinistra con Matteo Riva. Così i partiti: Lega record con il 40,1%, Fratelli d’Italia al 4,8%, Forza Italia al 16,2%, Io Rispetto Giussano al 4%, Educazione Civica al 4,5%, Movimento 5 Stelle al 8,7%, Partito democratico al 15,6%, Servire Giussano al 5,8%. La nuova maggioranza consiliare sarà composta da 8 consiglieri della Lega, 3 di Forza Italia e uno di Fratelli d’Italia.

VIDEO - Giussano, Marco Citterio

VIDEO - Giussano, Stefano Viganò

Ore 18.08. Ad Aicurzio l’unica lista che si è presentata alle elezioni amministrative ha vinto, scongiurato il commissariamento. I votanti sono stati 1132 votanti e Matteo Raffaele Baraggia della lista Per Aicurzio vince con il 76%, quindi circa 860 voti. Così Baraggia: “Le minoranze hanno dato un chiaro messaggio rifiutandosi di partecipare alla corsa con la speranza del commissariamento del Comune. I nostri cittadini invece ci hanno accordato la loro fiducia e li ringraziamo per questo. Ora c’è un programma molto articolato per cui lavorare per non deluderli”.

Ore 18.04. Da Besana Brianza Sergio Gianni Cazzaniga (Centrosinistra), complimentandosi con Emaunele Pozzoli per il risultato che sta ottenendo, commenta la sconfitta e ringrazia chi l’ha votato, il Pd per averlo sostenuto, le liste civiche per le idee che hanno portato e per il lavoro fatto. Invita il suo gruppo di lavoro a continuare con la stessa energia per non interrompere il percorso iniziato per Besana e per fare opposizione.

Ore 18.03. Il sindaco di Busnago è Marco Corti di Progetto Busnago che ha collezionato 1626 voti, pari al 48,93%. Seconda alle urne la lista Lega insieme per voi con Pieralberto Galbusera, 1310 voti pari al 39,42%, e terza la lista Noi per Busnago di Paolo Primo Salvatore Martini con 387 voti pari a 11,65%.

VIDEO - Busnago, Marco Corti

Marco Citterio si gode la vittoria mangiando una bella fetta di torta

Marco Citterio si gode la vittoria mangiando una bella fetta di torta


Ore 18.
A Giussano a due sezioni dal termine (20 su 22) Marco Citterio si conferma al 69,6%, ormai definitivamente inavvicinabile, mentre si fermano al 21,6% Stefano Viganò e al 8,8% Luigi Stagno. Per il candidato sindaco del centrodestra è ormai certa l’elezione al primo turno.

Ore 17.45. Dati ufficiale a Camparada: vince Mariangela Beretta, già sindaco del Comune, capolista di “Per Camparada”. Ha staccato di poche decine di voti il candidato del centrosinistra Maurizio Mariotti di Vivere Camparada. Staccato il terzo pretendente, Tiziano Beretta, con una lista civica a trazione centrodestra.

Ore 17.40. Riconfermato a Caponago il sindaco uscente Monica Buzzini della lista Lista civica Rinnovamento 2.0 che ha avuto la meglio sull’avversario Maurizio Mauro di Nuova Caponago.

Caponago sindaco Monica Buzzini, a destra, festeggia la rielezione con il vice sindaco uscente Maria Enrica Galbiati, a sinistra

Caponago sindaco Monica Buzzini, a destra, festeggia la rielezione con il vice sindaco uscente Maria Enrica Galbiati, a sinistra

Ore 17.24. A Correzzana, con 1678 votanti, Uniti per Correzzana ha raccolto 980 voti, Correzzana viva si è fermata a 625 preferenze; 41 le bianche 41 e 32 le nulle. Le prime parole da neo sindaco di Marco Beretta: «Grazie ai cittadini Correzzana. Grazie a tutti quanti ci hanno dato fiducia e che hanno riconosciuto l’impegno profuso in questi anni e soprattutto l’entusiasmo che abbiamo cercato di trasmettere per l’impegno che metteremo nei prossimi 5 anni. Siamo carichi, grazie a tutta la squadra perché è una squadra fortissima Non lesineremo un grammo di energia per il bene della nostra comunità».

Uniti per Correzzana, festa Marco Beretta elezioni comunali amministrative 26 maggio 2019

Uniti per Correzzana, festa Marco Beretta elezioni comunali amministrative 26 maggio 2019
(Foto by Gabriele Galbiati)

Ore 17.36. Un po’ di numeri. A Usmate Lisa Mandelli (Per Usmate Velate) guiderà il Comune per i prossimi anni e a lei gli usmatesi e i velatesi hanno voluto dare 1.122 voti, pari al 57,36% del totale. A Daniele Ripamonti (Lega-Cambiamo insieme) sono andati 834 voti pari a 42,64%.
A Bellusco Mauro Colombo è sindaco con 2.131 voti pari al 53,50%. È stato eletto per la lista Progetto Democratico Popolare davanti a Cinzia Parolini di Unione di centro-Lega Salvini-Forza Italia-Civica con 1.187 voti pari al 29,80%. A Noi per Bellusco del candidato Giuseppe Baldassarre 665 voti pari al 16,70%.

Ore 17.22. A Besana in Brianza dati ufficiosi danno Emanuele Pozzoli (centrodestra) vittorioso al primo turno.

Ore 17.21. A 17 sezioni scrutinate su 22 a Giussano è sempre in testa ampiamente Marco Citterio (Centrodestra) con il 69% contro il 22% di Stefano Viganò (Centrosinistra) e il 9% di Luigi Stagno (Movimento 5 Stelle) e si prospetta una vittoria clamorosa al primo turno.
A Giussano commenta il risultato che vede ormai Citterio indirizzato a vittoria certa anche Luigi Stagno del Movimento 5 Stelle: «Complimenti a Marco Citterio e alla sua squadra per la netta vittoria. Se saremo in consiglio comunale controlleremo l’operato della giunta come già fatto in passato. Pensavo a un risultato migliore visto il lavoro fatto. Ora occorre capire gli errori per far comprendere ai giussanesi che possiamo essere un’alternativa».

Giussano foto gruppo con Marco Citterio

Giussano foto gruppo con Marco Citterio
(Foto by Federica Verno)

Ore 17.18. A Ronco Briantino confermata la fascia tricolore per il sindaco uscente Kristiina Loukiainen, lista Vivere Ronco, i ronchesi che l’hanno votata sono stati 1.128, 59%; 784 voti dati alla Lega pari al 41%.

Ore 17.14. È ufficiale, a Cavenago di Brianza il nuovo sindaco è Davide Fumagalli di Uniti per Cavenago con 1.592 voti pari al 59,51% del totale. Davide Baragetti (Insieme per Cavenago-Lega) si ferma a 1.083 voti, pari al 40,49%.

VIDEO - Cavenago, Danilo Fumagalli

I vincitori di Uniti per Cavenago festeggiano

I vincitori di Uniti per Cavenago festeggiano
(Foto by Marco Testa)


Ore 17.10
. Ribaltone a Mezzago , per 11 voti è stato eletto sindaco Massimiliano Rivabeni della lista Cambia Mezzago, civica con l’appoggio della Lega. Sconfitto il sindaco uscente Giorgio Monti della lista Mezzago Democratica: 1.178 voti quelli di Rivabeni contro i 1.167 di Monti (schede nulle: 34, schede bianche: 45),

Ore 17.09. Aggiornamento da Paderno Dugnano: Gianluca Bogani (Lega, Forza Italia e Fratelli d’Italia) è in testa con il 36,85% dei voti; Ezio Casati (Paderno futura e Pd) insegue staccato al 20,66%. Poi Giovanna Giuranna con il 17,91% dei voti Alberto Ghioni con l’11,7 e Simona Arosio con l’11,92%.

Ore 16.58. Prosegue a rilento lo spoglio elettorale a Muggiò, ma Pietro Zanantoni è sempre avanti. Il candidato del centrodestra, a metà sezioni scrutinate, è avanti di tre punti (46%) rispetto a Maria Fiorito (centrosinistra). Fuori dai giochi il Cinque Stelle Cristian Iucolino, fermo al 12%

Ore 16.55. Marco Citterio è nuovo sindaco a Giussano, salvo ribaltoni eccezionali (a metà spoglio 70% a 20%). Il primo commento del (quasi) sindaco Marco Citterio di Giussano: «Sono contento della bella conferma e dei voti che i cittadini giussanesi hanno dato alla Lega. Impegnerò tutto il mio tempo e darò il massimo per ottenere grandi risultati alla nostra città». A Citterio anche gli auguri di buon lavoro da parte del sindaco uscente Matteo Riva.
Così Stefano Viganò (Centrosinistra): «Grazie a tutti quelli che ci hanno votato e fatto ottenere un buon risultato, migliore di quello delle Europee. Complimenti a Citterio e alla sua coalizione che con la Lega ha ottenuto un risultato eccezionale. Gli auguro un buon lavoro e il massimo del successo».

Giussano Viganò e Citterio

Giussano Viganò e Citterio
(Foto by Federica Verno)

Ore 16.53. Manca solo l’ufficialità, ma il sindaco di Ornago è Daniel Siccardi della lista civica Siamo Ornago. Per lui sarà una doppia festa, visto che è da poco diventato papà.

VIDEO - Ornago, Daniel Siccardi


Ore 16.52. Si profila un interessante ballottaggio a Concorezzo tra Mauro Capitanio della Lega (con le civiche Tutti per Concorezzo e Noi per Concorezzo di centrodestra) attestato intorno al 44% dei voti e Claudio Bossi (Pd e La rondine) che si è fermato al 37% dei voti. Più staccata, e a questo punto ago della bilancia, Carmen Trussardi (Vivi Concorezzo, Concorezzo più e Qui per Concorezzo) con il 16% dei voti.

Ore 16.50. A Usmate Velate ha vinto Lisa Mandelli (centrosinistra) di circa 250 voti.«Siamo molto felici perché la gente ha riconosciuto il valore della nostra proposta e del lavoro che è stato fatto fin ora dal nostro gruppo. Un ringraziamento va sicuramente a tutta la lista e a tutti i nostri elettori», ha commentato.

Ore 16.49. Dati ufficiali a Villasanta: Luca Ornago con Cittadini per Villasanta ha preso 4.680 voti (58,9%); staccatissimo il centrodestra di Massimo Casiraghi che ha raccolto 2.311 preferenze (29,12%); terzo posto per il Movimento 5 Stelle di Nicola Ganino (7,2%) mentre Roberto Manzato del Grande Nord ha racimolato soltanto 170 voti (4,8%).

Barbara Magni festeggia con la sua squadra

Barbara Magni festeggia con la sua squadra


Ore 16.48.
Il centrodestra unito riconquista il Comune di Sovico. Barbara Magni, 49 anni, avvocato, è infatti il nuovo sindaco con oltre il 53% delle preferenze. Nelle due precedenti tornate elettorali il centrodestra si era presentato diviso: dopo 10 anni le forze si sono ricompattate in una coalizione vincente (Lega Nord, Forza Italia, Moderati per Sovico, Fratelli d’Italia) guidata da Magni, trascinata anche dai tanti consensi alla Lega. Alla conferma della vittoria, per il nuovo sindaco, è subito arrivato un omaggio floreale. Magni toglie la poltrona ad Alfredo Colombo, eletto sindaco nel 2009 e poi riconfermato nel 2014. In corsa per la lista di centrosinistra Uniti per Sovico c’era questa volta Franco Galli, vicesindaco della giunta guidata da Colombo. In lizza anche Stefania Greco per il Movimento Cinque Stelle.
«È una vittoria schiacciante e sono molto contenta. Sono il primo sindaco donna di Sovico. Credo che abbia contato anche l’esser donna per la vittoria. Avevo un buon programma ed una squadra di persone serie e preparate. I cittadini hanno voluto il cambiamento», ha commentato il nuovo sindaco.

Ore 16.46 A 11 sezioni su 22 a Giussano la situazione appare instradata: Marco Citterio (Centrodestra) è sempre al 69% a distacca Viganò (Centrosinistra) al 21,8% e Luigi Stagno (5 Stelle) al 8,4%.

Ore 16.45 Dati ufficiali ad Agrate Brianza: Simone Sironi di Insieme per Agrate ha racimolato 4153 voti (51,96%), vincendo le elezioni e battendo nettamente Dino Angelo Bosisio del centrodestra, fermo a 2999 preferenze (37,52%); Staccatissimo il Movimento 5 Stelle di Giuseppe Procopio con appena 841 voti (10,52%). Sono state 132 le schede nulle, 120 quelle bianche, 4 quelle contestate.

Ore 16.40. A Triuggio arriva la definitiva riconferma del sindaco uscente Pietro Cicardi (Progetto Triuggio) che si afferma con il 57% sullo sfidante Giuseppe Perego (43%) e ha commentato: «Sono molto contento per questa vittoria netta e chiara, che non mi attendevo dopo i risultati delle elezioni Europee».

Triuggio: la vittoria di Cicardi

Triuggio: la vittoria di Cicardi
(Foto by Eleonora Cesana)


Ore 16.37.
A Correzzana vince Marco Beretta, centrodestra, con Uniti per Correzzana; sconfitta, dopo una campagna elettorale tesissima, Ada Civitani con la sua Correzzana viva.

Ore 16.36. Mancano ancora i dati di due sezioni a Bovisio Masciago: Giovanni Sartori (Lega) è al 49.9%, Giovanni Soldà (Centrosinistra) è al 44.5% mentre Domenico Spreafico è al 5.6%.

Ore 16.35. Anche a Briosco affermazione del centrodestra che ha un sindaco-poliziotto (di professione). A vincere con il 46,8% è infatti Antonio Verbicaro (Centrodestra) che ha superato gli sfidanti Giuseppe Motta (Fare Bene Comune) 36,6%, Giancarlo Ardito (Movimento 5 Stelle) con il 7,48% e Domenico Perego (Vivere Briosco) con il 9,03%.

Ore 16.34. A Solaro vince Nilde Moretti con la sua Insieme per Solaro. È lei il nuovo sindaco. Sconfitti i due colossi di centrodestra: la Lega con civica di Emiliano Campi e l’Unione del centrodestra (con Fi, Fratelli d’Italia e altri) di Annalisa Alberti.

VIDEO - Solaro, Nilde Moretti

Amministrative 2019, festa a Solaro per Nilde Moretti

Amministrative 2019, festa a Solaro per Nilde Moretti
(Foto by Diego Marturano)

Ore 16.29. A Renate riconferma con il 59% delle preferenze per il sindaco uscente di centrodestra Matteo Rigamonti. Odilla Agrati di Uniti per Renate si ferma al 41%: «Sono molto dispiaciuta per il risultato - ha detto - ma daremo il massimo dall’opposizione».

Ore 16.23. Dati ufficiali a Barlassina: Piermario Galli di “Insieme per Barlassina” è di nuovo sindaco. Ha conquistato 2088 voti, pari al 59,61% dei voti; staccato Riccardo Pelucchi del centrodestra: per lui 1415 voti (40,39%). Schede nulle 50, schede bianche 54.

Ore 16.22. A 8 sezioni su 22 a Giussano Marco Citterio resta al 69% delle preferenze staccando di gran lunga gli avversari Viganò (21,5%) e Stagno (8,8%).

Giussano attesa risultati elettorali

Giussano attesa risultati elettorali

Ore 16.21. A Roncello vince Cristian Pulici della lista Roncello, Impegno e Passione (Lega), dietro di lui il sindaco uscente Luca Signorile di Cambiamo Roncello e, con un grande stacco, Roberto Colle di Per Roncello-Centrodestra unito.
A Cavenago Brianza La lista Uniti per Cavenago del candidato sindaco Davide Fumagalli è in testa con 1098 voti sui 775 di Insieme per Cavenago-Lega del candidato Davide Baragetti.

VIDEO - Roncello, Cristian Pulici

Ore 16.17. A Villasanta le prime dichiarazioni di Luca Ornago: «Abbiamo dimostrato che se lavori bene col civismo, il civismo prende. Ha vinto il nostro bilancio di fine mandato e il nostro programma fatto di progetti e non pettegolezzi».
Qui le elezioni mietono due vittime: il Movimento 5 stelle non riuscirebbe neanche ad entrare in Consiglio comunale. Una sentenza che è una condanna per il Grande Nord di Roberto Manzato che sicuramente non siederà nel prossimo parlamentino villasantese.

Nella sede della civica Cittadini per Villasanta si festeggia: ha vinto Ornago

Nella sede della civica Cittadini per Villasanta si festeggia: ha vinto Ornago
(Foto by Valeria Pinoia)

Ore 16.16. Dati definitivi a Ceriano Laghetto : 2135 voti per Roberto Crippa (centrodestra) che è il nuovo sindaco. Più staccati gli altri due candidati: Alessandro Stefan e la sua Orizzonte comune si ferma a 1224 preferenze mentre La Polveriera di Mara Ceriani ha presso solo 231 voti. Staccatissimo il Grande Nord di Bruna Tandurella con 105 voti.

VIDEO - Ceriano Laghetto, Roberto Crippa

Festa Ceriano Roberto Crippa elezioni comunali amministrative 26 maggio 2019

Festa Ceriano Roberto Crippa elezioni comunali amministrative 26 maggio 2019
(Foto by Diego Marturano)


Ore 16.13.
A Ronco Briantino si riconferma sindaco Kristiina Loukiainen di Vivere Ronco contro Giuseppe Degradi della Lega 59% dei voti contro il 41%. «Siamo molto contenti per questo risultato. Vivere Ronco è questo: un gruppo compatto che lavora insieme per un solo obiettivo: il bene di Ronco Briantino. Un ringraziamento a tutta la squadra e agli elettori», ha commentato Loukiainen.

Ore 16.11. A Veduggio con Colzano Luigi Alessandro Dittonghi del centrodestra con il 59% delle preferenze ha spodestato il sindaco uscente Antonia Molteni (centrosinistra, Veduggio Domani). «Con questa vittoria abbiamo fatto la storia», ha dichiarato a caldo.

Ore 16.10. A Concorezzo è scontro tra il centrodestra con Mauro Capitanio al 44% e il centrosinistra Pd e La rondine al 37% col candidato Claudio Bossi. Più staccati gli altri contendenti: intorno al 17% Carmen Trussardi di Vivi Concorezzo, Qui per Concorezzo e Concorezzo più. Si profila quindi un ballottaggio tra centrodestra e centrosinistra.
A Camparada è testa a testa tra Maurizio Mariotti del centrosinistra (Vivere Camparada) e Mariangela Beretta del centrodestra (Per Camparada). Più indietro Tiziano Beretta con la civica Cittadini per Camparada.

Ore 16.07. A Giussano dopo 4 sezioni su 22 scrutinate il candidato di centrodestra Marco Citterio si attesta al 70,7% contro il 19,7% di Stefano Viganò (Centrosinistra) e il 9,6% di Luigi Stagno (Movimento 5 Stelle).
Luigi Stagno (Movimento 5 Stelle) da Giussano commenta: “Si prospetta una larga vittoria del centro destra. Complimenti a Citterio e alla sua squadra. Ora attendiamo di capire come sarà costituito il consiglio comunale”.

Ore 16.05. Lo spoglio a Muggiò prosegue lentamente. Ora sono sei le sezioni scrutinate su 19. Pietro Zanantoni (centrodestra) è sempre in vantaggio con 1762 voti. Il distacco da Maria Fiorito (centrosinistra) ferma a 1522, è di 240 lunghezze di voto. Il candidato a Cinque Stelle è fermo a 476 voti.

Ore 16.02. Nella sede della civica Cittadini per Villasanta si festeggia: ha vinto Luca Ornago , riconfermato sindaco per il secondo mandato.

Ore 16. Andrea Esposito, sindaco uscente della lista Bernareggio per tutti, si riconferma sindaco di Bernareggio battendo la rivale Emanuela Baio di Vita nuova per Bernareggio

BERNAREGGIO ESPOSITO ASPETTA I RISULTATI quando è in netto vantaggio su Emanuela Baio Foto Galbiati

BERNAREGGIO ESPOSITO ASPETTA I RISULTATI quando è in netto vantaggio su Emanuela Baio Foto Galbiati
(Foto by Carla Colmegna)


Ore 15.57
A Mezzago è in testa Massimiliano Rivabeni di Cambia Mezzago di circa trenta voti sul sindaco uscente Giorgio Monti di Mezzago Democratica. Un risultato che potrebbe essere storico.

Ore 15.54 A Triuggio, a 5 sezioni su 8 scrutinate il candidato sindaco uscente Pietro Cicardi (Centrosinistra) è in vantaggio sullo sfidante Giuseppe Perego (Centrodestra) 57,91% contro il 42,09%.

Ore 15.48. A Busnago per ora è in testa Marco Corti di Progetto Busnago scelto per il dopo Danilo Quadri.
A Burago di Molgora si riconferma Angelo Mandelli di Impegno per Burago

Ore 15.45. Agrate Brianza ha scelto la continuità: Simone Sironi di Insieme per Agrate è il nuovo sindaco. Ha ricevuto le chiavi del comune dal sindaco uscente Ezio Colombo. Queste le prime dichiarazioni del neo eletto sindaco: «Abbiamo stravinto, questo è il risultato di un lavoro fatto di squadra per i cittadini e con i cittadini. Andiamo avanti».
Sempre da Agrate arrivano le prime dichiarazioni del principale sconfitto, Dino Bosisio del centrodestra: «È andata male, il voto delle comunali è esattamente l’opposto di quello dell’Europee. Abbiamo perso 100 voti in ogni sezione. Comunque siamo convinti sia del nostro progetto sia delle persone che fanno parte della nostra lista. Ripartiremo dall’opposizione».

Simone Sironi riceve le chiavi del comune dal sindaco uscente zio colombo prime dichiarazioni di Simone Sironi abbiamo stravinto questo è il risultato di un lavoro fatto di squadra per i cittadini e con i cittadini andiamo avanti elezioni comunali amministrative 26 maggio 2019

Simone Sironi riceve le chiavi del comune dal sindaco uscente zio colombo prime dichiarazioni di Simone Sironi abbiamo stravinto questo è il risultato di un lavoro fatto di squadra per i cittadini e con i cittadini andiamo avanti elezioni comunali amministrative 26 maggio 2019
(Foto by Michele Boni)


Ore 15.44
. Sezione 2 a Besana, questo il responso dello scrutinio: Alfieri 49; #besana4future 39; Pd 117; BesanAttiva 53; Pozzoli sindaco 95; Lega 260; Noi 27; sezione 10: Alfieri 43; #besana4future 44; Pd 157; Pozzoli sindaco 97; Lega 271; Noi 37

Ore 15.43 Mauro Colombo è il nuovo sindaco di Bellusco con la lista Progetto democratico Popolare.

VIDEO - Bellusco, Mauro Colombo


A Caponago, quando manca solo un seggio da scrutinare, è in testa il sindaco uscente Monica Buzzini Lista civica Rinnovamento 2.0.
A Cornate d’Adda vince Giuseppe Felice Colombo con la lista civica centrodestra e Lega.

VIDEO - Cornate d’Adda, Giuseppe Felice Colombo

Ore 15.40 A Giussano la coalizione di Marco Citterio (Centrodestra) è attorno al 70% delle preferenze. Scrutinata la sezione 18: 124 preferenze per il centrosinistra, 484 per il centrodestra e 98 per i 5 Stelle; nella sezione 1: centrodestra 316 preferenze, centosinistra 126, 38 al Movimento 5 Stelle.

A Muggiò tre sezioni scrutinate: Pietro Zanantoni ancora in vantaggio, per un totale di 900 voti. Maria Fiorito segue a ruota con 767. Cristian Iucolino (Cinque Stelle) è a 228 voti.

Ore 15.39 Il commento di Mariella Longoni, uscita sconfitta dal confronto con Gilulio Redalelli ad Albiate: «Siamo caduti in piedi: per come sono andate Europee pensavamo ad una sconfitta più pesante, ma questo ci permette di cominciare a lavorare con più determinazione».

Albiate: Stretta di mano tra Redaelli e Longoni

Albiate: Stretta di mano tra Redaelli e Longoni
(Foto by Elisabetta Pioltelli)

Ore 15.31 Nel Vimercatese a Busnago Progetto Busnago, con candidato sindaco Marco Corti, è in testa dopo 3 sezioni scrutinate su 5.
A Camparada testa a testa Maurizio Mariotti centrosinistra (Vivere Camparada) e Mariangela Beretta centrodestra (Per Camparada). Resta indietro Tiziano Beretta con la civica Cittadini per Camparada.

Ore 15.30 La prima dichiarazione di Giulio Redaelli, nuovo sindaco di Albiate: “È stata una campagna elettorale combattuta, ora pensiamo ad Albiate e a lavorare subito. Da domani sarò in Comune per salutare i dipendenti e prendere atto di quello che ci sarà da fare”.

Albiate: l'abbraccio tra il sindaco uscente Diego Confalonieri e il Giulio Redalli

Albiate: l'abbraccio tra il sindaco uscente Diego Confalonieri e il Giulio Redalli


Ore 15.29
A Muggiò, scrutinate due sezioni su 19, Pietro Zanantoni (centrodestra) e di poco in vantaggio sul sindaco uscente Maria Fiorito (centrosinistra)

Ore 15.24. A Villasanta, il candidato di “Cittadini per Villasanta” Luca Ornago è in vantaggio in almeno 3 seggi sul candidato del centrodestra Massimo Casiraghi del centrodestra.

Villasanta: Luca Ornago quadrifoglio elezioni comunali 26 maggio 2019

Villasanta: Luca Ornago quadrifoglio elezioni comunali 26 maggio 2019
(Foto by Valeria Pinoia)

Ore 15.23. Ad Albiate il sindaco uscente Albiate Diego Confalonieri si dice contento del risultato che vedrebbe Giulio Redaelli (Centrodestra) nuovo sindaco della città (manca solo l’ufficialità): «Lo speravo per le ultime cose da chiudere; l’importante è che ci sia qualcuno che faccia bene per il paese. So quanto Redaelli ama Albiate e ci teneva e sono sicuro che dedicherà anima e corpo a questa avventura».

Ore 15.22. A Misinto Matteo Piuri del centrodestra è in vantaggio in tutte le sezioni sul candidato Luisella Monti di Insieme per Misinto. Piuri va a vincere le elezioni.

VIDEO - Misinto, Matteo Piuri

Matteo Piuri, sindaco di Misinto festeggia con il suo gruppo e Fabrizio Sala

Matteo Piuri, sindaco di Misinto festeggia con il suo gruppo e Fabrizio Sala

Ore 15.20 Ad Agrate Brianza, Simone Sironi di Insieme per Agrate (centrosinistra) è in vantaggio in 10 sezioni su 12 sul candidato del centrodestra Dino Bosisio. Sironi ha il 52% delle preferenze.

Ore 15.17 A Giussano, primi risultati da una sezione: centrodestra (Citterio) in testa con 336 preferenze seguito da centrosinistra (Viganò) con 150 e i 5 Stelle (Stagno) con 61

Ore 15.15 Matteo Baraggia (Per Aicurzio, centrodestra) è sindaco di Aicurzio. Correva da solo per la rinuncia delle opposizioni, aveva già il conforto dell’affluenza ai seggi al 68% e lunedì le urne gli hanno consegnato anche il quorum.

A Ceriano Laghetto la Lega di Roberto Crippa ha 400 voti di vantaggio sul secondo, Alessandro Stefan di Orizzonte comune, dopo due sezioni.

Ore 15.13 Primi risultati a Besana Brianza: nella sezione 6 (totale 650, valide 620, bianche 32) . Alfieri sindaco 49 preferenze, #Besana4future 25, PD 109, BesanAttiva 58, Pozzoli sindaco 82, Lega 251, Noi 35

Ore 15.05 Ad Albiate la Lega chiama il candidato sindaco Giulio Redaelli ai seggi. In vantaggio in 4 sezioni su 5. È il nuovo sindaco e prosegue nel governo di centrodestra alla guida del paese. L’unica sezione in bilico sulle 5 complessive è la 4 che vede 334 voti per Con Albiate (candidato Redaelli) e 331 per Uniti per Albiate (candidato Longoni).

Ore 15. A Barlassina Piermario Galli è sindaco con 2087 voti. Non ce l’ha fatta Riccardo Pelucchi che si è fermato a 1437 voti.
A Solaro è testa a testa tra Emiliano Campi (centrodestra) e Nilde Moretti di Insieme per Solaro.

VIDEO - Barlassina, Piermario Galli

Ore 14.45. Primi risultati: ad Agrate Brianza è in vantaggio Simone Sironi di Insieme per Agrate (centrosinistra).
A Misinto Matteo Piuri di Nuovi Orizzoni (centrodestra) su Luisella Monti (Insieme per Misinto): sezione 1, 305 voti per Monti e 346 per Piuri

Ore 14.05. La Lega si presenta avanti ovunque in Brianza. L’unico Comune in cui non è maggioranza, allo spoglio delle Europee, è Vimercate dove il Partito democratico è al 35,38% davanti alla Lega (30,71) e ai 5 Stelle, che qui governano (10,45). C’è attesa per vedere se i risultati del voto per i sindaci confermeranno il trend o no.

Ore 14. Via allo spoglio delle elezioni comunali. In Brianza hanno votato 31 Comuni più Paderno Dugnano e Solaro (seguiti dal Cittadino). Sopra i 15mila abitanti, per il ballottaggio, ci sono Besana in Brianza, Bovisio Masciago, Concorezzo, Giussano, Muggiò e Paderno. Tutti gli altri sono a elezione diretta. Il primo nome ad arrivare sarà il sindaco di Aicurzio. dove Matteo Baraggia correva da solo e ha superato ampiamente il quorum (68%).

Ore 12.50. Da Paderno Dugnano il commento del candidato sindaco Lega Gianluca Bogani: «Alle Europee siamo andati benissimo. Altre realtà vicine sono differenti e non si può fare un paragone: oggi pomeriggio si apre tutta un’altra partita. E non è detto che il voto scorporato europa-amministrative peschi solo nel centrodestra».

Ore 12.30. L’analisi del quadro politico giussanese dopo le elezioni europee (e prima dell’inizio dello spoglio delle Comunali, dalle 14) si completa con Luigi Stagno del Movimento 5 Stelle: «Bisogna ripartire da questa sconfitta. Se quello che il M5S ha fatto fino ad oggi non è bastato o non è stato capito, bisogna lavorare più degli altri partiti, con maggiore costanza, bisogna studiare più di loro, applicarsi più di loro per convincere i cittadini a votarci. Io credo in un paese diverso, voglio un paese diverso, e continuerò a dare seriamente e con passione il mio contributo».

Ore 12. Domenica a Busnago una elettrice ha segnalato di avere ricevuto una scheda già votata per le elezioni comunali. Ha fatto presente l’anomalia agli scrutatori e ha ottenuto l’annullamento . In attesa dell’inizio dello spoglio e della decisione del presidente di seggio. LEGGI la notizia (VAI)

Ore 11.15. «La Brianza con il 41% e 175mila voti (per la Lega, ndr) chiede autonomia, flat Tax e quota 100. I cittadini ci hanno riconosciuto il sostegno alle aziende, l’attenzione alle scuole, i 900 milioni per la metropolitana di Monza, le politiche per la sicurezza in strada e in casa: finalmente la rivoluzione del buonsenso sta prendendo piede». ha commentato l’onorevole concorezzese della Lega, Massimiliano Capitanio.
Sulla stessa linea il senatore Emanuele Pellegrini: «I risultati delle europee certificano l’ottimo lavoro svolto fin ora dalla Lega e fanno ben sperare per lo spoglio delle amministrative di questo pomeriggio. Ci sono inoltre due dati importanti come quello di Carnate (35,60%) e Mezzago (37,75%) dove la Lega per la prima volta nella storia è diventata il primo partito e questo è una grande soddisfazione per il lavoro svolto sul territorio».

Ore 10.45. Matteo Salvini aveva chiuso la giornata elettorale ringraziando, riprende la parola confermando il concetto della riconoscenza ai suoi elettori in conferenza stampa a Milano. Tra i temi la geografia politica in Europa che è cambiata e la ridiscussione dei parametri europei e dei vincoli per l’Italia; per l’Italia ha ribadito l’alleanza di governo con il Movimento 5 Stelle, anche se con nuovi rapporti di forza, per andare avanti sui punti del contratto, la riduzione delle tasse (“Manovra economica da scrivere con le categorie produttive”), il lavoro e la sicurezza (“di poter prendere il treno tranquillamente la sera”). Frecciata alla sinistra che aveva “come simbolo Riace e Lampedusa e anche qui la Lega è il primo partito”.

DIRETTA - MATTEO SALVINI


Ore 10.
Due commenti post elettorali arrivano da Giussano e analizzano il dato nazionale in chiave locale. Il segretario del Pd Roberto Colzani: «L’affluenza è scesa di circa 2mila unità rispetto alle politiche 2019, ma in linea con le amministrative di cinque anni fa. Il Partito Democratico a Giussano risulta pressoché invariato rispetto al 2018, i dati veri e di più importanza sono il capitombolo dei 5 Stelle che perde due terzi dei voti e il 30% della Lega. Resta da vedere con le Comunali quanto Forza Italia recuperi per poter non definirsi stampella della lega e quanto le liste civiche riusciranno a imporsi, soprattutto quanto l’operato del consigliere Stagno abbia influenzato il risultato dei 5 Stelle. Staremo a vedere».
Esulta Marco Citterio della Lega nord: «Grande risultato con grande valore politico che dimostra, per quanto riguarda la nostra città, quel valore aggiunto dato dal buon lavoro fatto sul nostro territorio. Sono pienamente soddisfatto, aspettiamo il risultato dello scrutinio delle comunali».

Ore 9.30. Alle 14 riprenderà il lavoro degli scrutatori dopo la nottata per le Europee con lo spoglio delle schede delle elezioni comunali.

Ore 8.30. È una Brianza che si è svegliata con un cielo atmosferico grigio e uno politico blu: è quella della Lega, protagonista di un vero e proprio boom alle elezioni europee, primo partito in Italia col 34%. Crolla invece M5s, al 17%. Pd secondo col 22%. Sono questi i risultati delle elezioni Europee in Italia all’alba di lunedì 27 maggio. Nelle due circoscrizioni del Nord la Lega sfonda il tetto del 40%, M5S sprofonda sia al nord est che al nord ovest e il Pd sale sopra il 23 per cento. È il quadro del voto europeo analizzando, per circoscrizioni, i dati del Viminale. Al Nord ovest (quella in cui è compresa la Lombardia e Monza-Brianza), il partito di Salvini prende il 40,70% di voti, il Pd è il secondo partito al 23,4%, M5S è al 11,12%. Forza Italia è al 8,80%, Fdi al 5,64. «Adesso si cambia in Ue» ha dichiarato il leader leghista Matteo Salvini mentre Luigi di Maio commenta: «Siamo stati penalizzati dall’astensione».

Per quanto riguarda la Provincia di Monza e Brianza, Lega prima con il 41,52% dei voti, seguita dal Pd (23,52%) Movimento 5 Stelle (10,33%), Forza Italia (9,97%), Fratelli d’Italia (5,38%), +Europa (3,08%), Europa verde (2,44%&), La sinistra (1,17%), Partito comunista (0,6%), Partito animalista (0,5%), Popolo della famiglia (0,36%), Popolari per l’Italia (0,33%), Partito pirata (0,27%), Casapound (0,23%), Forza Nuova (0,17%) e Autonomie per l’Europa (0.11%).

C’è anche il dato definitivo dell’affluenza che si ferma al 56,1% in calo rispetto al 58,69% della precedente consultazione di riferimento. Lo rileva il Viminale. L’affluenza più alta è stata in Umbria (67,7%) ed Emilia-Romagna (67,3%), la più bassa in Sardegna (36,25%) e in Sicilia (37,51%). È del 68,01% l’affluenza definitiva invece per le elezioni comunali, che hanno visto al voto 3.654 comuni italiani. Il dato è in calo rispetto al 70,97% delle precedenti omologhe. l’affluenza più alta si è registrata in Umbria con il 71,49%.


© RIPRODUZIONE RISERVATA