Educazione green: borracce e lunch box nelle scuole di Monza  e Brianza  per  pesare meno sull’ambiente
MONZA borracce per le scuole (Foto by Fabrizio Radaelli)

Educazione green: borracce e lunch box nelle scuole di Monza e Brianza per pesare meno sull’ambiente

Borracce e lunch box nelle scuole di Monza e Brianza per accendere una coscienza ambientalista nei ragazzi più giovani e nelle loro famiglie. Cosa succede a Monza, Caponago, Cesano Maderno.

Borracce e lunch box nelle scuole per accendere una coscienza ambientalista nei ragazzi più giovani e nelle loro famiglie.

Da lunedì 20 gennaio oltre 10mila alunni di Monza riceveranno “Mia” la borraccia nata della sinergia tra amministrazione, il gruppo Acsm Agam e BrianzAcque. È un ulteriore passo per implementare la sensibilizzazione verso l’ambiente che i bambini ben conoscono.

MONZA borracce per le scuole

MONZA borracce per le scuole
(Foto by Fabrizio Radaelli)

«Le 47 scuole primarie e medie riceveranno questo omaggio - spiega Dario Allevi, sindaco - Lunedì andremo alla media Pertini e alla primaria Manzoni per questa “consegna”, perché vogliamo incontrare i bambini che sono il motore del cambiamento».
Questo è il primo passo, di un progetto più ampio, che vedrà la sua realizzazione entro primavera, quando nei plessi saranno installati anche i dispenser dell’acqua.

« Il prossimo step sarà dotare i bambini - continua Martina Sassoli, assessore all’ambiente-di “packed lunch” dei contenitori per il cibo avanzato in mensa in collaborazione con Lega Ambiente, come ci hanno chiesto proprio gli alunni».
I temi legati all’acqua sono frutto di un percorso attivo da alcuni anni in città. «A mensa si beve “l’acqua del sindaco” da tempo- continua Pier Franco Maffè, assessore all’istruzione- l’installazione di dispenser è un segno di continuità. I numeri sono importanti e BrianzAcque si sta organizzando, non solo per l’installazione ma anche la manutenzione degli stessi».

«Il gioco di squadra è stato fondamentale - proseguono Paolo Busnelli e Paolo Soldani, presidente e amministratore delegato di Acsm Agam- per dare concretezza a dei concetti teorici». Grazie a Mia prosegue la volontà di rendere Monza città plastic free. «Con questo dono valorizziamo anche l’acqua pubblica - conclude Enrico Boerci, presidente e AD di BrianzAcque - che è di assoluta qualità. È controllata, economica e ecologica».
La campagna, di cui beneficeranno anche gli altri territori in cui opera Acsm Agam, è promossa dalla società di vendita Acel Energie, con il presidente Giovanni Priore presente a Monza con lo storico marchio Enerxenia.

Caponago: lunch box

Caponago: lunch box
(Foto by Marco Testa)

Nelle scuole di Caponago le buone pratiche contro lo spreco alimentare si imparano con la lunch box consegnate in settimana dall’amministrazione comunale e Vivenda, la società che ha in gestione il servizio mensa nelle scuole primarie e secondarie.

A differenza della tradizionale “schiscetta” percorrerà il tragitto casa-scuola al contrario: assieme al proprio piccolo proprietario per riempirsi del pane e della frutta avanzati durante il pasto in mensa.

Le lunch box sono state messe a disposizione da parte dell’azienda e sono state fortemente volute dall’amministrazione caponaghese: «È giusto che certe buone abitudini si imparino sin da bambini - spiega il primo cittadino Monica Buzzini - In quest’epoca in cui il cibo sembra ormai qualcosa di scontato si deve tornare a dare un valore a quel che si trova in tavola. Sembra una frase fatta ma davvero c’è ancora qualcuno al mondo che soffre la fame. Con questa iniziativa si vuole cercare di dare ancora più consapevolezza ed evitare lo spreco alimentare. Naturalmente non tutto il cibo avanzato potrà essere riposto nella lunch box, ma solo la frutta e il pane con cui gli studenti potranno fare, perché no, una sana merenda». Con soddisfazione del primo cittadino l’iniziativa ha subito trovato larga approvazione.

A Cesano Maderno le borracce sono state distribuite per iniziativa di privati durante le vacanze di Natale.

Borracce

Borracce
(Foto by Gionata Pensieri)

Pasticceria Borromeo, Piumacreative e Cmc Autonoleggio si sono accollati le spese per dotare gli studenti cesanesi di prima elementare.
I promotori hanno contattato le segreterie e hanno distribuito coupon da riconsegnare entro l’epifania. Hanno aderito tutte le scuole del primo circolo (Borghi, Mauri e King) e l’istituto delle Sacramentine. La English School ha declinato l’offerta perché già forniscono le borracce a tutti i loro studenti.

(* hanno collaborato Alessandra Sala, Marco Testa, Gionata Pensieri)


© RIPRODUZIONE RISERVATA