È morto il bambino investito a Merate, accusa di omicidio stradale per il responsabile residente a Carnate
Ospedale Papa Giovanni di Bergamo - foto Asst Pg23

È morto il bambino investito a Merate, accusa di omicidio stradale per il responsabile residente a Carnate

È morto il bambino di 7 anni che il 6 maggio era rimasto gravemente ferito in un incidente a Merate, investito dall’auto guidata da un uomo di 37 anni residente a Carnate. L’accusa per lui è di omicidio stradale.

È morto il bambino di 7 anni che era rimasto gravemente ferito in un incidente a Merate nei giorni scorsi: era stato investito mentre camminava su un marciapiede con la mamma e la sorella maggiore, colpito dall’auto condotta da un uomo di 37 anni residente a Carnate. La posizione dell’uomo, di origine pakistana, si è ulteriormente aggravata: denunciato in un primo momento per lesioni gravissime, verrà accusato di omicidio stradale.

Dopo l’incidente aveva provato a scagionarsi dicendo di essere stato speronato da un’auto pirata che gli aveva fatto perdere il controllo, ma le indagini delle forze dell’ordine anche attraverso le immagini delle telecamere non hanno confermato la circostanza.

Il bambino era apparso da subito in condizioni molto gravi; elitrasportato all’ospedale Papa Giovanni di Bergamo, era stato operato alla testa. L’incidente risale a giovedì 6 maggio.

(Notizia aggiornata)


© RIPRODUZIONE RISERVATA