Dopo l’arresto di Oreno, altre otto denunce contro il palpeggiatore della Brianza
Carabinieri di Vimercate

Dopo l’arresto di Oreno, altre otto denunce contro il palpeggiatore della Brianza

Dopo l’arresto di un uomo per violenza sessuale, i carabinieri di Vimercate avevano invitato eventuali altre vittime a presentarsi in caserma per denunciare: otto le testimonianze di molestie in meno di dieci giorni tra Monza, Vimercate e Concorezzo. Che si sono aggiunte alla vittima che lo ha fatto arrestare.

Altre otto testimonianze di molestie sessuali in meno di dieci giorni tra Monza, Vimercate e Concorezzo. Che quello di Oreno non fosse un caso isolato era già più che un sospetto e per questo i carabinieri di Vimercate avevano invitato eventuali altre vittime a presentarsi in caserma per denunciare. Così, proprio grazie all’appello fatto tramite giornali e web dopo l’arresto in flagranza di reato venerdì scorso di un uomo che aveva molestato una giovane nella frazione vimercatese, altre due donne si sono presentate negli uffici di via Damiano Chiesa per denunciare di esser state vittime del palpeggiatore. E alla fine il quadro più completo racconta appunto di testimonianze di otto eventi tra il 9 e il 17 dicembre nei confronti di giovani donne e anche ragazze minorenni. Più quello, decisivo, che l’ha fatto finire in via Sanquirico.

LEGGI Vimercate, palpeggia una donna che reagisce: arrestato un uomo di 49 anni, indagini su casi analoghi

L’arresto risale al pomeriggio del 19 dicembre, sui social e via whatsapp erano già circolate voci di almeno altri due episodi su ragazzine a Concorezzo. Nei giorni scorsi sono state risentire le donne che avevano denunciato per avere una descrizione ancora più precisa. E alla fine l’identikit si è messo a fuoco sull’uomo di 49 anni residente nel Vimercatese fermato dopo aver aggredito una donna di 26 anni palpeggiandola nelle parti intime. Lei però aveva reagito, aveva gridato e lo aveva inseguito chiamando i carabinieri col cellulare e poi indicando loro un piccolo parco. I militari, sul posto con tre pattuglie, dopo aver circondato la zona lo avevano trovato accovacciato dietro un cespuglio. L’uomo era stato arrestato per violenza sessuale e portato in carcere a Monza. I carabinieri avevano proseguito nelle indagini proprio per verificare la responsabilità in episodi analoghi avvenuti nei primi giorni del mese dicembre verso ragazze giovani e giovanissime nei comuni limitrofi.


© RIPRODUZIONE RISERVATA