Desio, il benzinaio pensa alla famiglia: «Basta lavoro di domenica»
Cosimo Scarfone benzinaio Eni di via Milano che ha deciso di chiudere la domenica (Foto by Paola Farina)

Desio, il benzinaio pensa alla famiglia: «Basta lavoro di domenica»

Desio: l’autolavaggio legato al distributore resterà chiuso la domenica e nei giorni festivi. Una decisione presa dal titolare insieme ai dipendenti e comunicata ai clienti con un cartello

«Per tutelare la serenità dei lavoratori e delle famiglie di questa attività, in comune accordo si è deciso di non aprire l’autolavaggio la domenica e festivi». Il cartello è appeso in diversi punti dell’autolavaggio e distributore di benzina Eni di via Milano. Cosimo Scarfone, 44 anni, titolare dell’attività, ha voluto fare sapere e motivare ai suoi clienti la decisione, presa in accordo con i suoi dipendenti, di non lavorare più la domenica. Quella appena passata è stata la prima domenica di chiusura dell’autolavaggio di via Milano. «Lavoro da quando avevo 19 anni e ho rilevato l’attività di via Milano nel 2006. Non mi sono mai fermato la domenica - spiega - Sono contento di aver deciso di chiudere nei giorni di festa. Non torno indietro». Prima di prendere la decisione, Cosimo ha convocato i suoi 7 dipendenti.

«Ci siamo confrontati e abbiamo messo al voto la proposta. E’ stata approvata quasi all’unanimità. Ci tengo a sottolineare che questa è una decisione di tutti, non solo mia». L’autolavaggio di via Milano è sempre molto frequentato. Fino ad una settimana fa, era aperto anche la domenica mattina, dalle 7.30 alle 13 circa. E ogni domenica, si formavano lunghe code di automobilisti, in attesa di farsi lavare l’auto. «So che per molti non sarà più comodo non avere a disposizione l’autolavaggio la domenica. Mi dispiace. Ma questa è la nostra decisione. Ho passato molti anni a lavorare per tante ore. Ci ho sempre dato dentro col lavoro. Ora voglio godermi la mia famiglia e i miei figli» afferma il titolare dell’attività, che ha tre figli di 18, 14 e 7 anni.

«Domenica scorsa, mia moglie era felicissima di vedermi a casa» ammette. «La stessa cosa vale per i miei dipendenti. Sono ragazzi giovani e possono non solo godersi la famiglia ma anche il sabato sera: adesso possono uscire con gli amici , senza pensare che il giorno dopo devono alzarsi presto per andare a lavorare». Chi vuole farsi lavare la macchina, lo può fare dal lunedì al sabato. Economicamente, la scelta di tenere chiuso la domenica mattina non è vantaggiosa, nè per i dipendenti nè per il titolare.

«Loro non prendono più gli straordinari e io ho meno incassi. So che ci perdo economicamente, ma guadagno in salute e benessere. Ho notato che anche i miei dipendenti sono più rilassati. Arrivano al lavoro il lunedì mattina riposati e pronti ad affrontare la nuova settimana». La decisione di Cosimo Scarfone arriva proprio nello stesso momento in cui la neo premier finlandese Sanna Marin ha annunciato di voler ridurre la settimana lavorativa a 4 giorni per dare ai lavoratori più tempo da dedicare alle proprie famiglie e ai propri hobby. Una notizia che si è presto diffusa e che ha stimolato il dibattito.

«E’ una giusta decisione» afferma il desiano, che ha coinvolto altri autolavaggi della zona nella sua decisione. «Anche altre attività hanno deciso di chiudere la domenica» spiega. I cartelli appesi alle colonnine della benzina e sulla porta dell’ufficio del distributore di via Milano non passano inosservati. «Mi è sembrato giusto spiegare alle persone perchè abbiamo deciso di chiudere la domenica, dopo tanti anni di apertura. Molti clienti hanno approvato la nostra scelta. Ci hanno detto che abbiamo fatto bene. Ci sono clienti che ci hanno confessato che anche loro vorrebbero stare a casa la domenica, ma non possono perchè lavorano nei supermercati aperti sempre, compresi i giorni di festa»


© RIPRODUZIONE RISERVATA