Corteo dei ristoratori, la “Brianza che non molla” va a Palazzo Lombardia: code sulla Statale 36  - VIDEO

Corteo dei ristoratori, la “Brianza che non molla” va a Palazzo Lombardia: code sulla Statale 36 - VIDEO

VIDEO - Clacson, fazzoletti fucsia e colonna di auto sulla Statale 36 per la “Brianza che non molla”: ristoratori, baristi, operatori del settore degli eventi e clienti dei locali diretti in corteo al Palazzo della Regione dove alle 16 si officia il funerale del settore.

Clacson, fazzoletti color ciclamino e colonna di auto sulla Statale 36 per la “Brianza che non molla”: ristoratori, baristi, operatori del settore degli eventi e clienti dei locali diretti in corteo al Palazzo della Regione dove alle 16 si officia il funerale del settore colpito dai provvedimenti per contenere l’emergenza sanitaria. Il ritrovo era alle 8.30.

LEGGI Dalla Brianza ristoratori in protesta a Palazzo Lombardia, il consigliere Corbetta: «Siamo al loro fianco»

All’iniziativa promossa da Aldo Rotunno, titolare del ristorante monzese Pop Up e di un’agenzia di eventi, hanno aderito molti piccoli imprenditori brianzoli.

«La situazione – spiega – è diventata insopportabile sia dal punto di vista economico che psicologico. Non riusciamo più a sostenere le spese ma nemmeno a programmare le attività a causa di decreti e ordinanze che entrano in vigore da un giorno all’altro».

Domanderanno ai politici risposte che attendono da tempo: «Chiediamo – afferma Rotunno – ristori sufficienti per non dover chiudere, un confronto che ci consenta di programmare riaperture e chiusure e un chiarimento su come gestire i costi fissi visto che stanno arrivando le ingiunzioni di pagamento. Vorremmo capire perché noi, dopo esserci attrezzati, dobbiamo rimanere fermi mentre supermercati e mezzi di trasporto sono affollati». Attireranno l’attenzione anche sulle filiere degli eventi e delle musica «dimenticate da tutti» in cui lavorano operatori dello street food, ambulanti e tecnici audio.


© RIPRODUZIONE RISERVATA