Coronavirus, le due nuove ordinanze  della Lombardia per la “Fase 2”: mascherine, trasporti, attività sportiva, negozi e mercato
Il governatore della Lombardia, Attilio Fontana

Coronavirus, le due nuove ordinanze della Lombardia per la “Fase 2”: mascherine, trasporti, attività sportiva, negozi e mercato

Una doppia ordinanza da parte di Regione Lombardia per cercare di offrire qualche certezza in più ai lombardi in vista del prossimo 4 maggio, primo giorno della “Fase 2”. La prima riguarda le regole per riprendere a circolare, la seconda riguarda più specificatamente il settore trasporti.

Una doppia ordinanza da parte di Regione Lombardia per cercare di offrire qualche certezza in più ai lombardi in vista del prossimo 4 maggio, primo giorno della “Fase 2”. La prima, la numero 537, non si discosta molto dal Dpcm di Giuseppe Conte. Ma contiene alcune limitazioni in più per quanto riguarda il territorio regionale:

- permane l’obbligo di coprirsi le vie respiratorie, con mascherina oppure con sciarpe, foulard o altri indumenti, anche all’aperto.

- Via libera ai mercati all’aperto (ma solo per generi alimentari e con alcune ’semplificazioni’ chieste dai sindaci), semaforo verde per studi professionali, cartolerie, librerie e negozi di fiori.

- Cadono le restrizioni per i distributori h24 di generi alimentari che quindi potranno offrire tutto e non solo acqua, latte e prodotti farmaceutici e parafarmaceutici.

- Possibilità d’apertura per servizi bancari e assicurativi, attività alberghiere, attività per riparazione e vendita di computer, telefoni ed elettrodomestici, articoli per illuminazione, ferramenta, vernici, materiale elettrico termoidraulico e apparecchiature fotografiche.

- Sarà possibile praticare attività fisica all’aperto, senza il limite dei 200 metri dalla propria abitazione.

- Via libera anche alla toelettatura degli animali.

Le operazioni di segnalamento dei posti di attesa

Le operazioni di segnalamento dei posti di attesa
(Foto by Foto da Atm)

Il settore Trasporti
La seconda ordinanza (la n. 538), relativa al Trasporto pubblico locale, (che arriva dopo le prime indicazioni fornite via social da Trenord) prevede le seguenti indicazioni.
- A bordo dei mezzi di trasporto pubblico è obbligatorio l’utilizzo di guanti e mascherine. È cura del passeggero procurarsi guanti e mascherine e indossarli correttamente dal momento in cui entra in stazione, sosta alle fermate o banchine, si accoda per salire sui mezzi, al momento in cui si allontana.

- I sedili da non utilizzare sono contrassegnati da segnali ben visibili.

- Igienizzazione, sanificazione e disinfezione dei mezzi, infrastrutture e stazioni vengono effettuate almeno una volta al giorno.

- Gli ascensori della metropolitana e delle stazioni ferroviarie sono destinati in via prioritaria alle persone a ridotta mobilità.

- È sempre consentito il trasporto di monopattini, biciclette pieghevoli e altri dispositivi di micromobilità elettrica.

Le nuove misure di sicurezza previste dall’ordinanza regionale si applicano su tutti i servizi di trasporto pubblico (treni regionali, metropolitane, autobus, filobus, tram, funivie e servizio di navigazione sul lago di Iseo) e non di linea (taxi e NCC) e hanno validità per tutti i passeggeri e gli operatori di trasporto del territorio regionale.

«Affrontiamo la ’Fase-2’ - ha spiegato il presidente Fontana - con la certezza che, ancora una volta, la responsabilità personale dei cittadini, unita al montaggio stringente dei segnali sanitari, ci consentirà di affrontare in sicurezza questa nuova tappa per arrivare poi alla nuova normalità».


© RIPRODUZIONE RISERVATA