Coronavirus, gli aggiornamenti di venerdì 20 marzo: prime vittime ad Arcore, Seregno Besana in Brianza e Senago, morti  a Lissone, Biassono,  Cavenago, Mezzago e Bellusco, 3  a Vimercate; i numeri crescono
Coronavirus Alberto Rossi Seregno

Coronavirus, gli aggiornamenti di venerdì 20 marzo: prime vittime ad Arcore, Seregno Besana in Brianza e Senago, morti a Lissone, Biassono, Cavenago, Mezzago e Bellusco, 3 a Vimercate; i numeri crescono

Ora per ora, gli aggiornamenti sull’epidemia di Covid 19 nel territorio di Monza e Brianza per venerdì 20 marzo 2020. Un mese esatto dall’inizio dell’emergenza in Lombardia.

Ora per ora, gli aggiornamenti sull’epidemia di Covid 19 nel territorio di Monza e Brianza per venerdì 20 marzo 2020. È un mese esatto dall’inizio dell’emergenza in Lombardia, quando nella notte tra il 20 e 21 marzo venne ricoverato il paziente di Codogno.

Ore 23 Una nuova ordinanza del ministro Roberto Speranza chiude parchi e giardini, consente l’attività fisica ma vicino a casa e da soli, limita spostamenti verso altre abitazioni. Il presidente di Regione Lombardia Attilio Fontana ha commentato: «Valuto questa ordinanza un provvedimento per accentuare le misure di distanziamento e renderle omogenee sull’interno territorio nazionale, soprattutto per evitare che il prossimo week end diventi un’occasione di svago. Alla scadenza - il 25 marzo - del Dpcm siamo certi che il Governo assumerà misure davvero efficaci e decisive nella lotta contro il virus. La Lombardia si aspetta questo per uscire dal tunnel».

Ore 22.30 Aggiornamenti da Arcore e Cavenago di Brianza. Il sindaco arcorese Rosalba Colombo ha dato notizia delle prime due persone morte per conseguenze del coronavirus in città. Si tratta di due donne e il sindaco ha dedicato loro una poesia (“E la gente rimase a casa”).
Una nuova morte a Cavenago comunicata dal sindaco Davide Fumagalli, una donna che si trovava in quarantena. Il bollettino dice di due nuovi positivi per un totale di 16 e due nuove sorveglianze attive per un totale di 25 persone in quarantena.

Ore 20.15 Prima vittima per conseguenze del coronavirus a Senago. Lo ha comunicato il sindaco Magda Beretta: «Cari Senaghesi, con immenso dolore devo informarvi del primo decesso causato da questo maledetto CoronaVirus. Il mio primo pensiero va alla famiglia, a cui porgo un forte abbraccio e le mie più sentite condoglianze da parte di tutta la comunità. Vi siamo tutti vicini. A beve adotteremo misure ancor più restrittive per quanto in nostro potere. Vi invito nuovamente a stare a casa».
A Senago le persone positive sono 11, la maggior parte ospedalizzata.

Ore 19.30 Due persone sono morte, un uomo e una donna, e salgono a 4 le vittime del Coronavirus a Lissone; 52 le persone risultate positive al tampone e 72 i lissonesi attualmente in regime di sorveglianza attiva domiciliare. Lo ha comunicato il sindaco Concetta Monguzzi in un aggiornamento serale sull’emergenza. Per le persone in sorveglianza il comune ha attivato la mail [email protected] per veicolare direttamente le informazioni.
L’amministrazione ha deciso la chiusura della piattaforma ecologica per le utenze domestiche (44 accessi in un giorno). I controlli continuano anche con otto pattuglie giornaliere della Polizia locale, oltre al servizio garantito anche dai Carabinieri del Comando di Lissone. In questi giorni anche la presenza in città di un furgone dell’Esercito.

Ore 19 La Candy di Brugherio chiude dal 23 al 27 marzo. La decisione venerì a seguito di un incontro con i sindacati. Possibile estensione della chiusura fino al 3 aprile. LEGGI la notizia (VAI)

Ore 18.30 L’assessore al Welfare della Regione Lombardia, Giulio Gallera aggiorna sulla situazione Coronavirus: a Monza e Brianza i positivi salgono a 816, +321 da giovedì. LEGGI anche la notizia (VAI)

Ore 17.30 La polizia locale di Senago ha denunciato due persone che, violando le disposizioni per il contenimento della diffusione del coronavirus, hanno portato il pranzo a un pusher. LEGGI anche la notizia (VAI)

Ore 17 Com’è fatta Monza ai tempi del coronavirus: un viaggio per immagini dagli ultimi giorni ai primi delle limitazioni. GUARDA LE FOTO (VAI)

Ore 16.45 L’assessore al Welfare della Regione Lombardia, Giulio Gallera aggiorna sulla situazione Coronavirus in una diretta Facebook alle 17.30. Oltre che sui canali istituzionali, è possibile seguirlo su www.ilcittadinomb.it

Ore 16.30 Il Birrificio Menaresta di Carate Brianza venerdì ha comunicato di aver sospeso il servizio di consegne a domicilio: «No meglio di no, interrompiamo il delivery, scusate! La situazione è di ora in ora sempre più sconvolgente (c’è anche un lutto nel nostro settore: Giovanni di ViaPriula), ormai siamo a un livello di gravità assoluta; e le strade continuano ad essere piene! Rinunciamo alle vendite a domicilio, per dare il nostro piccolo piccolo contributo: tutti a casa, anche noi! (nella casa del birrificio, d’accordo...)».

Ore 16 La generosità dei dentisti di Monza e Brianza è stata straripante e reattiva. Hanno raccolto 75mila guanti e 4mila mascherine chirurgiche, visiere e occhiali protettivi: i presidi sono stati messi a disposizione – gratuitamente - ai 600 tra medici e pediatri di famiglia di Monza e Brianza, all’ospedale di Vimercate e alla Clinica Zucchi di Monza. Domenica sera è arrivato l’appello del presidente della Commissione albo odontoiatri di Monza Brianza, il caratese dottor Massimo Roncalli, perché i dentisti donassero i materiali sanitari utili all’emergenza, in loro possesso ma ad oggi inutilizzati negli studi semichiusi. La raccolta si è tenuta tra martedì e giovedì alla sede Cisom (Corpo italiano di soccorso dell’Ordine di Malta) di Besana in Brianza, grazie alla collaborazione con il capogruppo di Monza Brianza, Vincenzo Lucisano.

Coronavirus, Consegna dei materiali per i medici di base donati dai dentisti a Vimercate e Monza

Coronavirus, Consegna dei materiali per i medici di base donati dai dentisti a Vimercate e Monza

Ore 15.30 Poste Italiane ha comunicato che le pensioni del mese di aprile verranno accreditate il 26 marzo e si potranno prelevare da 7mila Postamat. Chi dovesse presentarsi negli uffici deve rispettare un calendario alfabetico. LEGGI la notizia (VAI)

Ore 14.45 «Tre giorni fa i casi positivi che ci erano stati comunicati da Ats, tramite Prefettura, erano cinque. Ieri sera il numero aggiornato di casi positivi è salito a otto, di cui due deceduti», lo ha detto il sindaco di Bellusco Mauro Colombo.
Che delinea poi una situazione difficile: «I casi del Centro Maria Bambina sono gestiti direttamente da Ats e Fondazione Maria Bambina con la cooperativa Arcobaleno e non ci sono dati ufficiali.Ci sono inoltre sedici cittadini in sorveglianza attiva a casa o ricoverati, cittadini asintomatici positivi, altri con forme virali non diagnosticate e ci sono cittadini deceduti in questi giorni a casa, non è possibile avere dati ufficiali, fanno parte della complessità della situazione».

Ore 14.30 Prima vittima da Covid-19 a Besana in Brianza. Lo ha comunicato il sindaco Emanuele Pozzoli in un videomessaggio: «Che la sofferenza di questa famiglia e delle altre che hanno un caro che sta lottando negli ospedali ci aiuti a comprendere quanto dobbiamo essere responsabili nell’osservanza delle regole che ci sono state prescritte». Il video è qui (VAI)

Ore 14 Regione Lombardia e il presidente Attilio Fontana hanno ricevuto da Pirelli una importante donazione: tra il materiale ricevuto dispositivi di protezioni e 68 respiratori polmonari.

Venerdì mattina a Cremona è stato inaugurato il nuovo ospedale da campo donato da Samaritan’s Purse.

Ore 13.30 Da sabato 21 marzo al 3 aprile i supermercati Esselunga riorganizzano gli orari di apertura dei negozi per garantire ulteriore sicurezza alla clientela, ai lavoratori e contribuire a ridurre il flusso delle persone fuori casa. In settimana chiusura alle 20, domenica dalle 8 alle 15. In più attivati canali preferenziali per operatori sanitari e del soccorso. LEGGI anche la notizia (VAI)

Ore 13 Una donazione da 10mila euro firmata Autodromo nazionale di Monza al fondo istituito da Regione Lombardia per l’emergenza coronavirus. E l’invito al pubblico che ha assistito alle gare a donare. LEGGI anche la notizia (VAI)

Ore 12.30 Com’è laurearsi ai tempi del coronavirus? La monzese Francesca Colombo si è laureata in giurisprudenza mercoledì 18 marzo in diretta da casa sua con la Statale. «Mi è mancata la sacralità del momento, così come il salto della siepe». E poi, quel vestito rimasto nel negozio. LEGGI la notizia (VAI)

Ore 12 Terza vittima del Covid-19 a Mezzago: lo ha comunicato giovedì sera il sindaco Massimiliano Rivabeni annunciando anche l’imminente firma di una ordinanza specifica “che limiti il più possibile la creazione di aree di assembramento e regolamenti le modalità di circolazione pedonale che, seppur per necessità, vengono ripetute durante il giorno. Nonostante le numerose raccomandazioni e divieti devo purtroppo constatare che sono ancora in atto comportamenti non adeguati rispetto alla situazione di emergenza che stiamo vivendo”.

Ore 11.30 Erano in casa in 6 a giocare a carte. Sei amici tra i 50 e i 75 anni sono stati denunciati dai carabinieri per non aver rispettato le normative del governo per contenere la diffusione del coronavirus. È successo a Limbiate. LEGGI la notizia (VAI)

Ore 11.15 Aggiornamenti da Biassono: cinque casi positivi e due decessi (fino a giovedì 4 positivi e un solo decesso).

Ore 11 A Lissone 39 controlli nella giornata del 19 marzo e 7 denunce. «Non andiamo affatto bene - ha commentato giovedì sera il vicesindaco Marino Nava - Code (in più d’un componente familiare) a fare la spesa (con supermercati sempre più assaltati) e ancora corridori, persone coi cani, si spera vicini a casa. Qui abbiamo chiuso cimitero, mercati, giardini, uffici e il lavoro è duro. Solo ieri è stata riparata una recinzione divelta che era stata utilizzata per entrare in un giardino, oggi una catena/lucchetto tagliati agli orti urbani per poter accedervi (sistemata). Ma poi molti e troppi “in giro” ..... Ragazzi che sembrano in vacanza da scuola. Significa che non è ancora chiaro».

LISSONE: SANIFICAZIONE E GIARDINI CHIUSI DA GIOVEDI'

LISSONE: SANIFICAZIONE E GIARDINI CHIUSI DA GIOVEDI'
(Foto by Elisabetta Pioltelli)

Ore 10.30 Asst Monza e università Milano Bicocca al lavoro contro il coronavirus: i pazienti ricoverati (da tutta la Lombardia) sono 430, 46 in terapia intensiva che avrà in dieci giorni altri 40 posti letti riservati. LEGGI la notizia (VAI)

Ore 10 Positivi o ammalati di coronavirus, ma con un cane da gestire: l’Enpa di Monza attiva i protocolli per gestire gli animali. LEGGI anche la notizia (VAI)

Ore 9.45 «l numero dei cittadini vimercatesi positivi al virus è salito a 37 e purtroppo si registrano anche 3 decessi». Lo ha detto il sindaco di Vimercate Francesco Sartini nell’aggiornamento di giovedì sera, con una attenzione particolare alla casa di riposo San Giuseppe di Ruginello.
«Per i familiari che hanno i propri congiunti nella casa di riposo è stato attivato un servizio che permettere loro di avere informazioni quotidiane. Alcuni ospiti non hanno superato questi giorni, e ci stringiamo ai loro familiari con l’abbraccio affettuoso di tutta la città».

Ore 9.40 Sono in crescita i numeri delle persone positive nei Comuni della Brianza. A Limbiate in due giorni sono raddoppiati i casi: da 8 a 16; A Cesano Maderno “i concittadini più coinvolti sono 14. Non serve allarmarsi ma rimanere a casa”. A Varedo “sono passati da 5 a 12 (totali) nelle ultime 24 h. Non abbiamo dettagli sul loro stato di salute, l’eventuale ricovero o la presenza a domicilio. Oltre a ciò mi pare doveroso avvisare che ci sono 19 concittadini in Sorveglianza Attiva”.

Ore 9.30 A Seregno le persone positive aumentano da 15 a 24, con 40 persone in sorveglianza attiva.La città registra però la prima vittima: l’ha comunicato il sindaco Alberto Rossi nell’aggiornamento di giovedì sera.
«Oggi soprattutto dobbiamo però purtroppo riscontrare il primo decesso in Città - ha detto -Non possiamo che stringerci forte virtualmente come comunità davanti a questo lutto, e abbracciare tutte le persone coinvolte. L’unica cosa in più che possiamo fare è stare a casa il più possibile».
Nella diretta l’ha ribadito anche Paolo Viganò, primario di infettivologia all’Ospedale di Legnano e nella task force di Regione Lombardia.


© RIPRODUZIONE RISERVATA