Coronavirus: è morto il medico Davide Cordero, il ricordo commosso del Policlinico di Monza
Monza dottor Davide Cordero - foto da facebook

Coronavirus: è morto il medico Davide Cordero, il ricordo commosso del Policlinico di Monza

È morto l’anestesista Davide Cordero, piemontese al lavoro al Policlinico di Monza. Un nuovo lutto nella sanità brianzola per conseguenze della positività al coronavirus, il ricordo commosso della struttura di via Amati.

Un nuovo lutto nella sanità brianzola per conseguenze della positività al coronavirus. È morto l’anestesista Davide Cordero, al lavoro al Policlinico di Monza. Torinese, aveva contribuito a fondare il sistema del 118 nel capoluogo del Piemonte. Si era poi trasferito in Brianza per lavorare al Policlinico di via Amati, struttura coinvolta nell’emergenza. Ad aprile si è ammalato: non ha sconfitto il Covid, ed è morto a 63 anni martedì. È stato anche fondatore del progetto umanitario Rainbow4Africa.

LEGGI Coronavirus: è morto Norman Jones, storico primario di cardiologia a Seregno

LEGGI Coronavirus, ospedale di Vimercate in lutto: è morto il dottor Oscar Ros

Commosse le parole che il direttore sanitario del Policlinico Alfredo Lamastra ha scritto per salutarlo.

«Quando i colleghi gli hanno detto che dovevano intubarlo, Davide si è guardato intorno osservando per l’ultima volta quella Terapia Intensiva dove aveva trascorso tanti anni di lavoro, poi con gli occhi lucidi chiudendo e aprendo i palmi delle mani protese verso di loro li ha salutati dicendo “vi ringrazio tutti”, mentre il Propofol in vena lo lasciava andare verso un sonno dal quale non si sarebbe più risvegliato. Il Policlinico di Monza ha versato il suo contributo di vittime al COVID-19 che ha ghermito e si è portato via una Persona perbene, un Professionista eccellente, un Uomo non comune».


© RIPRODUZIONE RISERVATA