Cornate d’Adda, evade dai domiciliari per la terza volta: sempre per giocare a calcio con gli amici
Evade dai domiciliari per giocare a calcio

Cornate d’Adda, evade dai domiciliari per la terza volta: sempre per giocare a calcio con gli amici

A Cornate d’Adda un 21enne è già evaso tre volte dagli arresti domiciliari (per reati di droga) per andare a giocare a pallone con gli amici nel parcheggio vicino a casa. È stato riarrestato mercoledì e condannato di nuovo ai domiciliari.

Recidivo per amore del pallone. È un ragazzo di 21 anni, marocchino, evaso per tre volte dagli arresti domiciliari (dove si trova per un reato di droga) e altrettante volte riarrestato dai carabinieri che l’hanno trovato sempre nel parcheggio vicino a casa a giocare a calcio con gli amici. È successo a Cornate d’Adda a marzo, ad aprile e mercoledì sera quando intorno alle 21 i militari di Bellusco (Compagnia di Vimercate) lo hanno sorpreso per l’ennesima volta fuori casa, mentre giocava a pallone. Ed è stato riarrestato quando pochi minuti dopo il controllo è uscito di nuovo pensando che la pattuglia se ne fosse andata. Sottoposto al processo per direttissima è stato condannato di nuovo agli arresti domiciliari, che sta scontando per detenzione di marijuana e cocaina finalizzata allo spaccio.

LEGGI Arrestato a Cornate d’Adda: evade dai domiciliari per la partitella nel parcheggio


© RIPRODUZIONE RISERVATA