Concorezzo: «La bimba è fuori pericolo, ha chiesto latte e i cartoni animati»
Il terrazzo di via Marco Polo, a destra, da cui è caduta la piccola (Foto by Michele Boni)

Concorezzo: «La bimba è fuori pericolo, ha chiesto latte e i cartoni animati»

Mercoledì 20 maggio alle 19.30 la piccola di 2 anni era caduta per 3 metri dal balcone di casa, a Concorezzo: ora è fuori pericolo.

È ancora ricoverata all’ospedale di Bergamo la bimba di 2 anni caduta dal terrazzo di casa a Concorezzo, ma è finalmente fuori pericolo di vita. Tra i primi a dare la notizia è stato il sindaco Mauro Capitanio nella serata di giovedì 21 maggio. «Abbiamo sentito la mamma: la bimba è fuori pericolo, ha riconosciuto la mamma, ha chiesto del papà e del fratello, in poche parole è cosciente. La piccola ha chiesto del latte e i cartoni animati. Grazie a tutti per il sostegno, l’affetto, le preghiere» ha detto Capitanio in un post.

LEGGI l’incidente di mercoledì

Anche la famiglia della bambina di origine rumena ha voluto ringraziare tutti coloro che in queste ore di apprensione avevano mostrato grande affetto e vicinanza alla piccola con pensieri, parole e preghiere. Mercoledì sera verso le 19.30 si era sfiorata il dramma quando la bambina sul terrazzo di casa in via Marco Polo aveva scavalcato la ringhiera di protezione e aveva fatto un volo di circa 3 metri picchiando violentemente la testa al suolo e perdendo i sensi. Immediatamente erano scattati i soccorsi con l’arrivo di un’ ambulanza, un’auto medica e addirittura l’elisoccorso atterrato nel centro sportivo di via Pio X.

La ferita era stata caricata subito sul velivolo e trasportata in codice rosso all’ospedale Papa Giovanni di Bergamo. Sul posto era intervenuto il luogotenente dei carabinieri di Concorezzo Fulvio Carotenuto con una pattuglia per i rilevamenti di rito. Mentre il paese sentendo le sirene e l’elicottero del 118 atterrare si era subito allarmato. Al momento dell’incidente in casa con la piccola si trovavano la madre e il fratello più grande. L’angoscia e la paura dei primi momenti si sono sciolte nel giro di 24 ore quando la piccola è riuscita gradualmente a riprendersi.


© RIPRODUZIONE RISERVATA