Concorezzo: cittadini con reddito di cittadinanza a pulire le strade
Concorezzo Concorezzo Pulita (Foto by Michele Boni)

Concorezzo: cittadini con reddito di cittadinanza a pulire le strade

Si tratta di un progetto istituito dal Comune chiamato “Concorezzo Pulita”. Il lavoro si svolge su turni mattutini e si concluderà, per il primo gruppo coinvolto, il 31 dicembre e coinvolge attualmente quattro persone.

Un gruppo di beneficiari di reddito di cittadinanza ha iniziato i giorni scorsi il lavoro di pulizia delle strade di Concorezzo, ma, a breve, la città potrebbe contare anche sulla collaborazione di volontari. Si tratta di un progetto istituito dal Comune chiamato “Concorezzo Pulita” e che prevede il coinvolgimento dei beneficiari del reddito in tutte quelle operazioni finalizzate al mantenimento del decoro delle aree comunali per permettere di mettere a disposizione della comunità spazi ordinati e gradevoli.

Il lavoro si svolge su turni mattutini e si concluderà, per il primo gruppo coinvolto, il 31 dicembre. Oltre a questo, composto da 3 uomini e una donna, nel prossimo futuro potrebbero entrare in servizio altri beneficiari del reddito di cittadinanza con i requisiti adatti.

««Il progetto è stato organizzato grazie al lavoro degli uffici comunal i- ha spiegato il sindaco Mauro Capitanio -. Si tratta di un’iniziativa che mira al coinvolgimento dei beneficiari del reddito di cittadinanza in attività utili alla comunità e in particolare nelle micro-pulizie nelle nostre strade. Sempre in tema di pulizie, stiamo prevedendo un regolamento ad hoc per permettere anche il coinvolgimento di volontari e l’avvio di progetti di plogging, ossia quella pratica sportiva inventata in Svezia che abbina jogging alla raccolta dei rifiuti».

Il Comune, per concretizzare l’iniziativa, oltre alla parte procedurale e burocratica ha provveduto all’acquisto del materiale da utilizzare nello svolgimento delle attività (guanti antitaglio, scope, palette, giubbini alta visibilità, pinza telescopica raccogli rifiuti, mascherine chirurgiche, sacchetti per rifiuti).


© RIPRODUZIONE RISERVATA