Cartanima di Seregno e “Senza confini” di Seveso insieme per il “Giorno del ricordo”
Un frame del video

Cartanima di Seregno e “Senza confini” di Seveso insieme per il “Giorno del ricordo”

L’associazione “Cartanima” di Seregno e “Senza confini” di Seveso hanno realizzato un video per il “Giorno del ricordo” condiviso dalla Fondazione Giorgio Perlasca.

In occasione della Giornata del ricordo, celebrata in memoria del dramma delle foibe e dell’esodo al quale furono costrette le popolazioni italiane di Istria, Dalmazia e Fiume dopo il 1947, la Fondazione Giorgio Perlasca ha condiviso sulla sua pagina di Youtube un video realizzato dall’associazione Cartanima, iscritta all’albo comunale di Seregno, con gli allievi dell’Academy Musical Arts, in collaborazione con l’associazione Senza confini di Seveso. Il filmato, della durata di poco più di 8 minuti e visibile a QUESTO LINK, ricostruisce tra le altre la tragedia di Norma Cossetto, studentessa italiana vittima a 23 anni della violenza dei partigiani titini e considerata un simbolo di quelli anni bui, cui è dedicata una stele nel parco urbano seregnese di via Reggio, davanti alla quale si svolge abitualmente una cerimonia commemorativa ogni 10 febbraio.

Cartanima, realtà che ha i suoi motori in Alberto Genovese ed Andrea Di Cianni, ha nel rapporto tra teatro e didattica una delle sue peculiarità ed il suo fiore all’occhiello è l’Academy Musical Arts, accademia musicale con sede in via Bottego 11 a Seregno. «È bello ed importante -ha commentato il sindaco di Seregno Alberto Rossi- che un’istituzione come questa Fondazione rilanci un progetto cui hanno lavorato ragazzi studenti di teatro. Si tratta di un motivo di orgoglio per tutta la città». La Fondazione è intitolata a Giorgio Perlasca, comasco classe 1910, che negli anni conclusivi della seconda guerra mondiale riuscì a proteggere dalla persecuzione razziale ed a mettere in salvo oltre 5mila ebrei ungheresi, ed ha come finalità operativa l’aiuto ai profughi e la lotta contro le discriminazioni ideologiche, religiose o etniche.

P. Col.


© RIPRODUZIONE RISERVATA