Carate, richiedenti asilo dietro ai fornelli: l’integrazione nella cucina di In-Presa
I richiedenti asilo che hanno partecipato al progetto

Carate, richiedenti asilo dietro ai fornelli: l’integrazione nella cucina di In-Presa

Si è chiuso nelle scorse settimane, con un aperitivo-degustazione, il corso di “introduzione alla preparazione alimentare” realizzato dalla cooperativa sociale In-Presa a favore di 13 richiedenti asilo.

Si è chiuso nelle scorse settimane, con un aperitivo-degustazione, il corso di “introduzione alla preparazione alimentare” realizzato dalla cooperativa sociale In-Presa a favore di 13 richiedenti asilo.

Tutti provenienti dall’Africa subsahariana (Mali, Guinea, Costa d’Avorio, Nigeria, Sierra Leone, Ghana, Mauritania, Repubblica centro africana), i corsisti erano uomini tra i 19 e i 29 anni, attualmente accolti nell’area del Vimercatese, del Caratese e nei paesi limitrofi a Monza. La realizzazione del corso, il secondo del genere per la coop, è stato possibile «grazie alla collaborazione con gli enti sul territorio, Comuni e consorzi – spiegano da In-Presa -. Le lezioni si sono tenute dal 25 giugno al 24 luglio per un totale di 80 ore suddivise in 35 ore di lezioni pratiche, tenute dagli chef Luciano Caimi e Danilo Ferrazzo, a cui sono state affiancate 45 ore di lezione in aula».

Le ore trascorse in cucina hanno avuto come oggetto le basi della cucina, quali i tagli delle verdure, la preparazione di brodi e primi piatti, la produzione di pasta fresca e pizza, le basi della pasticceria. In aula, guidati dalla professoressa Maria Caterina Sforza, i ragazzi hanno seguito lezioni di sicurezza in ambiente ristorativo, igiene degli alimenti attraverso lo strumento delle 5 chiavi della sicurezza alimentare dell’Oms (Organizzazione mondiale della sanità), conoscenza della nomenclatura degli strumenti, nozioni di merceologia alimentare per permettere lo studio dei prodotti alimentari tipici della tradizione italiana. L’aperitivo di fine corso ha avuto tra i suoi ospiti i responsabili di enti e consorzi che gestiscono i richiedenti asilo.


© RIPRODUZIONE RISERVATA