Carate Brianza: ecco il Distretto del Gusto, super polo del food nell’area ex Formenti - MAPPA
Carate Brianza: il Distretto del gusto

Carate Brianza: ecco il Distretto del Gusto, super polo del food nell’area ex Formenti - MAPPA

La MAPPA - È ufficialmente nato il “Distretto del Gusto ex Formenti” di Carate Brianza, sorto spontaneamente negli edifici e nei dintorni della fabbrica. Nello stesso luogo si sono insediate attività che ruotano attorno al mondo del food.

È ufficialmente nato il “Distretto del Gusto ex Formenti” di Carate Brianza. Raccoglie i frutti di quanto negli ultimi anni è cresciuto nell’affascinante sito di archeologia industriale, e ne rilancia le potenzialità con un apposito progetto operativo e divulgativo.

Il Distretto del Gusto è sorto spontaneamente negli edifici e nei dintorni della fabbrica Formenti, area oggi conosciuta come Ex Formenti e identificata come piazza Risorgimento 1. Una vecchia fabbrica del tessile dismessa che, nel tempo, si è rianimata ed è diventata un polo di attrazione gastronomica. Cogliendo ancora una volta, se si vuole, il segno dei tempi e di un’economia in movimento.

«Qui troviamo tutte le 3 dimensioni del cibo – ha detto per tutti Marco Rubelli del Birrificio Menaresta, giovedì alla conferenza stampa di presentazione - Quella formativa grazie alla presenza dell’istituto don Gnocchi e della cooperativa In-Presa, quello produttivo e quello del consumo e della somministrazione».

Le attività presenti. In modo spontaneo e unico, infatti, nello stesso luogo si sono insediate attività che ruotano attorno al mondo del food: due scuole alberghiere, con i loro bar-pasticceria e ristoranti didattici, due birrifici (Menaresta e Birra Gaia), uno con un beershop e l’altro con un brewpub, un’osteria (Il Bardo), una produzione di cioccolato e di succhi di frutta (Marco Colzani), una torrefazione (Caffè del Borgo), un bar con tavola calda (Bar Briga) e un’hamburgheria (Mystic Burger).

«Circa un annetto fa ci siamo guardati in faccia, consapevoli di rappresentare una bella realtà da valorizzare e da far conoscere. Abbiamo voluto impostare e far nascere un Distretto del gusto».

carate: distretto del gusto

carate: distretto del gusto
(Foto by Signorini Federica)

Che già aveva tessuto legami interni e sintonie, ma che ancor di più vuole oggi «manifestare uno spirito di condivisione e collaborazione che possa essere percepito con un’identità coordinata e unica. Insomma, un vero e proprio punto di riferimento e aggregazione per un’area geografica che vuole andare anche oltre la Brianza, dove organizzare eventi e manifestazioni per attrarre un pubblico sempre più ampio, libero di muoversi tra le vie e le attività esistenti».

L’importanza delle scuole. Tra gli aspetti peculiari dell’area c’è sicuramente la presenza delle 2 scuole di formazione del settore e i loro esclusivi progetti: la pasticceria didattica “Il Buono di In-Presa” e il ristorante didattico “Saporinmente”, che collocano un’idea imprenditoriale in una scuola. Di grande valore, poi, sono le relazioni già attivate, negli anni, tra le 9 attività presenti nel Distretto. Come il progetto tra il Don Gnocchi e Birra Gaia, per la produzione di una birra edizione speciale progettata e realizzata dagli studenti di quarta superiore, o come la scelta delle attività ristorative di utilizzare i prodotti artigianali che vengono realizzati nelle cucine e nei laboratori del distretto (ad esempio il caffè servito al Ristorante Saporinmente viene torrefatto da Caffè del Borgo, i succhi serviti nel bar pasticceria Il Buono di In-Presa sono realizzati dal Laboratorio di Marco Colzani e la birra che accompagna gli hamburgher d’autore di Mystic Burger viene fermentata dal Birrificio Menaresta).

Tutte le eccellenze del Distretto del Gusto. L’Osteria del Bardonasce nel 2010 e si nutre della filiera corta. Crede nella buona cucina, nei prodotti di qualità e nella filosofia a km 0. A due passi dall’osteria, il Caffè del Borgo è l’ultima attività artigianale arrivata nell’area ex Formenti. I proprietari, torrefattori di caffè, tostano diverse qualità di caffè a partire dai chicchi verdi che selezionano e importano.
Dall’ospite più recente al pioniere che per primo ha stabilito la propria attività nell’area (era il 2007): il birrificio Menaresta ha radicamento locale ma notorietà e distribuzione anche nazionali. Intrecciando la passione per i prodotti agricoli e la loro trasformazione e lo specifico interesse per la bevanda fermentata, i proprietari realizzano splendide bevande. Sempre qui, hanno una cantina per la maturazione delle birre acide.
E hanno un nuovo progetto con Marco Colzani per la produzione di Sidro (spumante di mele), di cui si prevede l’uscita in autunno con l’etichetta “Sidreria Formenti”. Basta poi uscire dal Menaresta per trovarsi al Bar Briga, aperto nel 2016 e riferimento anche per servizi di bar e tavola calda.
Il Distretto ospita anche Birra Gaia, microbirrificio nato nel 2014 a Lissone e poi trasferito a Carate. Grazie al mastro birraio, i prodotti di Birra Gaia sono ampiamente apprezzati; anche il legame con il territorio è profondo: accanto al birrificio è nato un brew pub moderno ed elegante, e inoltre con l’istituto alberghiero “Don Carlo Gnocchi c’è la condivisione di una cucina e l’attivazione di progetti didattici per gli studenti.

Questi ultimi sono protagonisti del ristorante didattico “Saporinmente”, dove i ragazzi imparano lavorando e aprendo ogni giorno le proprie porte al pubblico. Idem per gli studenti del bar pasticceria “Il buono di In-Presa”, nata per fornire ai ragazzi che si formano presso la cooperativa sociale l’opportunità di misurarsi, e di ottenere nuovi stimoli, dall’esperienza professionale.

Dolce, ma anche amaro, presso Marco Colzani. Produttore di succhi di frutta e cioccolato, si è insediato nel 2015 a Carate, ma già attivo con la sua produzione dal 2008. Il cioccolato viene prodotto direttamente dalle fave di cacao che seleziona e importa dai lontani paesi di produzione.
Appena fuori dalle mura della ex Formenti c’è infine Mystic burger,da 5 anni locale must per hamburger gourmet: solo ingredienti artigianali di alta qualità, soprattutto locali (e pochi giorni fa ha lanciato il primo hamburger artigianale nello Spazio).


© RIPRODUZIONE RISERVATA