Cacciato di casa dalla moglie a Monza, costretto a vivere in auto: i carabinieri gli danno da mangiare
La stazione dei carabinieri di Castelverde (Cremona)

Cacciato di casa dalla moglie a Monza, costretto a vivere in auto: i carabinieri gli danno da mangiare

L’uomo, un 59enne, è stato controllato in piena notte da una pattuglia dell’Arma del Cremonese. Con la sua auto a secco e senza denaro aveva posteggiato nel parcheggio di un cimitero dopo aver vagato per circa una settimana.

Allontanato da casa dalla moglie, a Monza, da una settimana viveva in auto, senza denaro. Un racconto che un 59enne ha fatto in piena notte ai carabinieri della stazione dell’Arma di Castelverde, nel Cremonese, dove i militari hanno controllato la sua vettura, posteggiata nel parcheggio del cimitero di una frazione.

Nell’automobile è stato trovato l’uomo, subito identificato, il quale ha raccontato alla pattuglia la sua vita di stenti nel corso degli ultimi giorni, circa una settimana, da quando la moglie l’aveva allontanato dalla loro abitazione (per motivi ignoti). Ha detto di essere stato costretto a vivere in macchina senza poter provvedere alle sue condizioni primarie visto che non aveva con sé denaro né per mangiare né per fare rifornimento all’auto.

Una volta che i carabinieri si sono assicurati che quanto raccontato fosse vero si sono subito presi cura dell’uomo provvedendo a rifocillarlo con cibi e bevande calde e gli hanno donato del denaro per il rifornimento della vettura.


© RIPRODUZIONE RISERVATA