BrianzAcque riapre i cantieri a Monza e in Brianza
Brianzacque ripartono I cantieri

BrianzAcque riapre i cantieri a Monza e in Brianza

BrianzAcque riapre i cantieri. Operai e tecnici di nuovo al lavoro da questa settimana a Monza, Triuggio, Barlassina, Arcore, Busnago.

BrianzAcque riapre i cantieri. Operai e tecnici già al lavoro la scorsa settimana, muniti di guanti, mascherine e delle necessarie precauzioni anticontagio, per le aziende che hanno in appalto per conto di BrianzAcque il risanamento della rete idrica ad Agrate Brianza, Barlassina, Carate Brianza e Vedano al Lambro.

Brianzacque ripartono I cantieri

Brianzacque ripartono I cantieri

Con lunedì 20 aprile e la settimana in arrivo ripartono a Monza, in via Borsa, il rifacimento della linea dell’acquedotto, come in via Pellico a Triuggio. A Barlassina e a Arcore, in via Casati, la sostituzione delle condotte fognarie. Sempre ad Arcore, ha riaperto i battenti il cantiere per la realizzazione della vasca volano della Molgorana. Come per quella di Busnago mentre, il “via libera” al completamento del grande bacino di laminazione di Macherio- Biassono è previsto per lunedì 27, come a Desio per l’estensione della fognatura, lungo via Milano. Altre opere, sospese per il Coronavirus, ripartiranno nei prossimi giorni anche a causa dell’indisponibilità delle forniture dei materiali necessari per le lavorazioni.

In attesa della fase 2 BrianzAcque ha messo a punto un piano specifico a tutela della salute e della sicurezza dei lavoratori. In realtà, per garantire il servizio pubblico al territorio e alla popolazione, durante tutto il periodo di lockdown, BrianzAcque non si è mai fermata.

Brianzacque ripartono I cantieri

Brianzacque ripartono I cantieri

«Abbiamo continuato a portare acqua potabile nelle case di 900mila persone e a depurarla dopo il passaggio nelle fognature. Con l’adozione delle misure e delle precauzioni anticontagio, abbiamo assicurato ai cittadini manutenzioni urgenti e prestazioni di pronto intervento – spiega il presidente e ad, Enrico Boerci - Ora, siamo ripartiti con i cantieri che sono relativi a servizi indispensabili ai cittadini anche durante l’emergenza e anche utili a far riprendere l’economia. Lo facciamo con le massime garanzie da parte delle imprese che gestiscono i cantieri nel rispetto di norme di sicurezza rigorosissime che seguono indicazioni già date dal Governo in materia e che, in altri territori, come Milano sono applicate già da due settimane. Stiamo a casa per non diffondere il contagio e, nel mentre, lentamente e in totale sicurezza continuiamo a rendere il nostro servizio ai brianzoli e al territorio».

La ripresa delle attività è e sarà debitamente controllata: coordinatori per la sicurezza, direttori lavori di BrianzAcque e imprese coinvolte terranno monitorate tutte le attività con una valutazione del rischio legato all’emergenza Covid-19 con piani anti-contagio allineati alle prescrizioni attualmente in vigore (DPCM del 22 marzo 2020 e il Protocollo condiviso di regolamentazione per il contenimento della diffusione del Covid–19 nei cantieri edili del Ministero Infrastrutture e Trasporti, del 19 marzo 2020).


© RIPRODUZIONE RISERVATA