Bando “Rinnova veicoli”: già quasi 14 i milioni di euro erogati da Regione Lombardia
Seregno - I posti auto di corso Matteotti, riconvertiti da zona disco a pagamento (Foto by Paolo Colzani)

Bando “Rinnova veicoli”: già quasi 14 i milioni di euro erogati da Regione Lombardia

Vola il bando ’Rinnova veicoli’, Regione Lombardia ha ricevuto 2.101 domande per un importo di 13.930.000 euro sui 18 messi a disposizione. Ecco tutti i numeri degli incentivi regionali per rottamare la propria, vecchia, auto.

«Continuano a riscuotere consensi la scatola nera ’Move-In’ e la politica di incentivi per la sostituzione dei veicoli inquinanti promossa da Regione Lombardia». Parola dell’assessore all’Ambiente e clima di Regione Lombardia, Raffaele Cattaneo, in occasione del convegno ’Diesel, elettrico, ibrido: tra blocchi e divieti quale futuro per l’auto pulita?’ che si è tenuto nei giorni scorsi al Pirellone.

Per quanto riguarda il bando ’Rinnova veicoli’, Regione Lombardia ha ricevuto 2.101 domande per un importo di 13.930.000 euro sui 18 messi a disposizione. E altre 173 sono arrivate dalle imprese per un valore di 1.049.329 euro. Nel dettaglio, 271 domande, per un valore di 1.792.000 euro, sono arrivate da Bergamo; 478 (3.094.000) da Brescia; 89 (600.000) da Como; 84 (568.000) da Cremona; 81 (554.000) da Lecco; 37 (246.000) da Lodi; 59 (410.000) da Mantova; 517 (3.438.000) da Milano; 173 (1.138.000) da Monza e Brianza; 51 (346.000) da Pavia; 38 (268.000) da Sondrio) e 223 (1.476.000) da Varese).

Il convegno al Pirellone

Il convegno al Pirellone


Per quanto riguarda la tipologia di alimentazione, 870 domande sono per auto a benzina per 5.220.000 euro; benzina/gpl 61 domande per 366.000; benzina/metano 6 per 36.000; elettrica 662 per 5.296.000; elettrica/termica 11 con valore 66.000; gasolio 169 per un importo di 1.014.000; gpl 7 con un controvalore di 42.000; ibrido benzina/elettrico 279 per 1.674.000; ibrido gasolio/metano 2 per 12.000 euro e 34 domande per il metano, con un valore di 204.000 euro.

«Regione Lombardia - ha proseguito Cattaneo - è convinta che si debbano combattere gli inquinanti, non la mobilità dei cittadini. Oggi dobbiamo lottare contro polveri sottili e ossidi di azoto. Siamo chiamati a battere gli inquinanti e le sostanze climalteranti. Consci che solo 1/4 delle polveri sottili è frutto del traffico, e di questa parte, metà è legata all’usura di fremi e parti meccaniche, e solo metà dagli ossidi è legato alle auto. I blocchi degli Euro4 riducono i gas di poco, meglio incentivare i cittadini».


© RIPRODUZIONE RISERVATA